Aggregazione Elettrostatica di â-Lattoglobulina Facendo Uso dello Scattering Leggero Quasi Elettrico da Malvern

Argomenti Coperti

Sfondo
Sperimentale
     Preparato del Campione
     Determinazione della Dimensione delle Particelle
Risultati

Sfondo

Nel 1934, Palmer in primo luogo ha descritto la separazione di ß-Lattoglobulina (ß-Lg) dalla frazione del siero di latte di latte vaccino. Questa scoperta è stata fatta cinquanta anni prima che la struttura reale potrebbe essere delucidata con Cristallografia a raggi x. La maggior parte di questi studia il centro intorno all'aggregazione provocata dal calore poiché questa è di grandi interesse ed importanza al trattamento dei prodotti lattier-caseario. Malgrado gli anni di ricerca, la funzione specifica di ß-Lattoglobulina deve ancora completamente essere capita. Lo scopo di questo lavoro è di fornire uno studio sull'aggregazione elettrostatica ß-Lg a forza ionica bassa (i) ed ai gradi di pH sotto il punto isoelettrico (pI) in cui l'aggregazione si presenta ad una tariffa abbastanza lenta per essere valutata dallo scattering leggero quasi elastico (QELS).

Sperimentale

Preparato del Campione

Il ß-Lg A&B, approvvigionato dal Sigma Aldrich ed usato senza ulteriore depurazione, è stato dissolto in NaCl di 4.5mM pronto dall'acqua di Milli-Q. Il ß-Lg dissolto poi è stato sollevato a pH 9 per dissociare la proteina nelle sue specie monomeriche. Un volume uguale di NaCl di 4.5mM è stato preparato che contiene la quantità appropriata di HCl di 0.1M per portare le soluzioni combinate all'obiettivo pH e ad una concentrazione di 4,2 e di 1mg/mL rispettivamente. Entrambe Le soluzioni sono state filtrate (0,2 filtri dal µm, Sartorius AG, Germania) e poi misto immediatamente prima dell'analisi.

Determinazione della Dimensione delle Particelle

Le distribuzioni per ampiezza dei cumuli ß-Lg erano risolute facendo uso del Malvern Zetasizer ZS Nano. I tempi di Correlazione erano di sette secondi per esecuzione e tre esecuzioni per misura. QELS è stato usato per determinare le distribuzioni per ampiezza oltre cinquanta minuti.

Risultati

Figura 1 mostra la distribuzione per ampiezza dell'intensità raccolta durante l'esperimento cinetico a tempo (t) = 0. Come evidente qui, i risultati di QELS indicano quasi immediatamente quello, i cumuli ß-Lg in due popolazioni distinte di dimensione.

Figura 1. distribuzione per ampiezza di Intensità per 1mg/mL ß-Lg in NaCl di 4.5mM a pH 4,2 a tempo = 0.

La popolazione più di piccola dimensione ha un diametro idrodinamico circa di 5.4nm. Facendo Uso della massa conosciuta contro la relazione di dimensione per le proteine globulari, indicata nell'Equazione 1, il peso molecolare della proteina 5.4nm è kDa circa 35, coerente con il modulo dimero della proteina ß-Lg.

La traccia cinetica per l'esperimento è indicata nella Figura 2, che mostra il diametro Z-Medio e dell'intensità in funzione di tempo sperimentale.

Figura 2. traccia Cinetica di 1.0mg/mL ß-Lg in NaCl di 4.5mM a pH 4,2.

L'intensità di scattering è approssimativamente proporzionale alla concentrazione ed al quadrato del peso molecolare ed è quindi abbastanza sensibile alla formazione di cumuli di ordine superiore. Il diametro Z-Medio è il diametro medio dell'insieme di particelle ed è derivato dal pendio del modulo linearizzato della funzione di correlazione (metodo di Cumulanti). Come si vede in Figura 2, la formazione del cumulo di ordine superiore si presenta nei primi 20-25 minuti dell'esperimento. Ai tempi maggiori, l'intensità di scattering è relativamente costante, suggerendo che l'equilibrio del dimero-cumulo sia stato raggiunto. La Stabilizzazione del cumulo di ordine superiore ai tempi maggiori è egualmente evidente nella Figura 3, che mostra le distribuzioni per ampiezza selezionate dell'intensità dall'esperimento cinetico.

Figura 3. Ha Selezionato le distribuzioni per ampiezza dell'intensità a partire dall'esperimento cinetico ß-Lg.

Una diminuzione nella quantità relativa di dimero egualmente è stata osservata sopra il corso di tempo dell'esperimento. Alle circostanze iniziali, come appare Figura 1, la concentrazione nel dimero ha rappresentato 80% dell'intensità di scattering. Al termine dell'esecuzione sperimentale, il contributo a spargere l'intensità dal dimero si era stabilizzato a approssimativamente 10% del totale (si veda Figura 4). Come si vede in Figura 4, un aumento nella stabilizzazione dell'intensità e di dimensione di scattering del cumulo eccellente ha potuto inoltre essere veduto col passare del tempo. L'intensità di scattering del cumulo aumentato da 20% a 90% durante l'esecuzione, con la dimensione del cumulo infine stabilizzato ad approssimativamente 425nm.

Figura 4. distribuzioni per ampiezza Dipendenti dal tempo di intensità per il ß-Lg in NaCl di 4.5mM a pH 4,2.

Nota: Una lista completa dei riferimenti è disponibile riferendosi al documento originale.

Sorgente: “Aggregazione di β-Lattoglobulina„, Nota di Applicazione dagli Strumenti di Malvern.

Per ulteriori informazioni su questa sorgente visualizzi prego Strumenti la Srl (REGNO UNITO) di Malvern o gli Strumenti di Malvern (U.S.A.).

Date Added: May 9, 2005 | Updated: Jun 11, 2013

Last Update: 13. June 2013 01:28

Ask A Question

Do you have a question you'd like to ask regarding this article?

Leave your feedback
Submit