Ceramica di Nanocomposite - Che Cosa sono Ceramica di Nanocomposite?

Il Professor Vikas Tomar, Banco di Aeronautica e di Astronautica, Purdue University
Autore Corrispondente: tomar@purdue.edu

Sopra la ceramica passata di mezzo secolo hanno ricevuto l'attenzione significativa poichè materiali del candidato per uso poichè materiali strutturali nelle circostanze di alti tassi di carico, temperatura elevata, usura e attacco chimico che sono troppo severi per i metalli. Tuttavia, la friabilità inerente della ceramica ha impedito il loro ampio uso nelle applicazioni differenti.

Lo sforzo scientifico Significativo è stato orientato verso la fabbricazione della progettazione diretta difetto-più tollerante della ceramica delle loro microstrutture dall'incorporazione delle fibre o le basette che gettano un ponte sulla crepa affrontano appena dietro il suggerimento della crepa; progettando le microstrutture con i granuli prolungati che fungono dai ponti fra la crepa affronta appena dietro il suggerimento della crepa; comprendendo le seconde particelle di fase che deviano la crepa che lo fa per viaggiare un percorso più tortuoso; e comprendendo le fasi secondarie che subiscono l'espansione di volume indotta da stress che forza la crepa affronta insieme. Tuttavia, uno dello sviluppo più recente è stato la distribuzione delle fasi multiple in un composito ceramico al disgaggio nanoscopic di lunghezza. A causa di prevalenza delle funzionalità nanoscopic, tali compositi si riferiscono a come nanocomposites ceramici.

La definizione del materiale del nanocomposite ha ampliato significativamente per comprendere una grande varietà di sistemi quali i materiali unidimensionali, bidimensionali, tridimensionali ed amorfi, fatti delle componenti distintamente dissimili e misti al disgaggio di nanometro. La classe generale materiali organici/inorganici del nanocomposite è un campo di ricerca a crescita rapida. La Diminuzione delle dimensioni delle funzionalità strutturali in materiali piombo ad un importante crescita nella parte di atomi interfaccia/della superficie.

Le energie interfaccia/della superficie essenzialmente gestiscono i beni di un solido. Le Interfacce forniscono i mezzi per introdurre la non omogeneità nel materiale. Questa non omogeneità funge da modifica significativa sia dei beni termici che meccanici dei compositi. La mescolanza Selettiva dei materiali in una morfologia altamente adattata con l'alta percentuale di area dell'interfaccia, piombo ai materiali con i beni migliorati.

I beni dei materiali nano-compositi dipendono non solo dai beni dei loro diversi genitori ma anche dalla loro morfologia e caratteristiche interfacciali. I nanocomposites trovano il loro uso in varie applicazioni a causa dei miglioramenti nei beni sopra le strutture più semplici. Pochi di tali vantaggi possono essere riassunti come:

  • Concentrazione Migliore dei beni Meccanici per esempio, modulo e stabilità dimensionale
  • Permeabilità In Diminuzione ai gas, all'acqua ed agli idrocarburi
  • Più Alta temperatura di deformazione termica e di stabilità Termica
  • Più Alto rallentamento della Fiamma ed emissioni di fumo diminuite
  • Più Alta resistenza Chimica
  • Aspetto Di Superficie Più Regolare
  • Più Alta conduttività elettrica

Per le componenti utilizzate in una turbina a gas, una vita fino ad un massimo di 10000 h e una concentrazione conservata del MPa ~300 ad una temperatura di °C 1400 sono state postulate, insieme alla velocità di risalita trascurabile. Ancora, alle temperature elevate, il materiale deve esibire l'alta resistenza a shock termico, all'ossidazione ed alla crescita di crepa subcritica. I nanocomposites Ceramici sono stati indicati per essere estremamente importanti per tali applicazioni future.

I materiali compositi ceramici alla rinfusa Avanzati che possono resistere alle temperature elevate (°C) >1500 senza degradazione o ossidazione possono anche essere utilizzati per le applicazioni quali le parti strutturali dei motori del motore, gli scambiatori di calore catalitici, centrali atomiche e sistemi di combustione, oltre al loro uso nelle centrali elettriche di conversione di energia fossile. Questi stalla dura e ad alta temperatura, compositi ceramici ossidazione-resistenti e rivestimenti sono egualmente dentro domanda delle applicazioni del veicolo spaziale e degli aerei.

Un tale sistema materiale in questa classe di compositi, Carburo di Silicio/compositi Nitruro di Silicio (Sic/34Peccato), è stato indicato per eseguire molto bene nelle circostanze d'ossidazione ad alta temperatura. L'Interesse in tali nanocomposites ha cominciato con gli esperimenti di Niihara2 che hanno riferito i grandi miglioramenti sia nella resistenza di frattura che nella resistenza dei materiali includendo le particelle dell'intervallo di nanometro (20-300 nanometro) all'interno di una matrice di più grandi granuli ed ai limiti di granulo. Un miglioramento 200% sia nella concentrazione che nella resistenza di frattura, la migliore conservazione di concentrazione alle temperature elevate ed i migliori beni di strisciamento sono stati osservati.

Una microstruttura avanzata del nanocomposite come quella dei nanocomposites policristallini del Nitruro di Silicio del Carburo di Silicio (Sic) - (Si3N4), Figura 1, contiene i disgaggi multipli di lunghezza con spessore di limite (GB) di granulo dell'ordine di 50 il nanometro, Sic dimensioni delle particelle dell'ordine di 200-300 nanometro e delle granulometrie34 di Peccato dell'ordine di µm 0,8 - 1,51. La Progettazione della microstruttura di un tal composito (e di simili altri quali i nanocomposites34 di Stagno-Peccato,23 di SIC-AlO, di SIC-SIC, di Graphene/CNT+SiC e del Carbonio Fiber+SiC) per un insieme mirato a dei beni materiali è, quindi, un compito spaventoso. Poiché la microstruttura comprende i disgaggi multipli di lunghezza, la progettazione del materiale basato delle analisi del multiscale è un approccio appropriato per un tal compito.

Figura 1. microstruttura Reale di un nanocomposite SiC-Si3N41

Il lavoro ceramico del nanocomposite nel Laboratorio di Multiphysics a Purdue mette a fuoco sopra (1) Prestazione di Comprensione del Carburo e di Nanocomposites Ceramico Ad Alta Temperatura Basato Nitruro per gli Ambienti Estremi trovati nei cicli della produzione di energia Compreso le Applicazioni Nucleari, (2) Modellistica di Multiscale e Caratterizzazione in Materiali Ceramici dell'Ossido e (3) emissioni termiche di Comprensione del termale e di conduzione in materiali per la produzione di energia termoelettrica. Una descrizione dei centri importanti di interesse e dei contributi è come segue:

  • Emissioni termiche di Comprensione del termale e di conduzione per sviluppare i materiali con conducibilità termica bassa3-5: Questo lavoro mette a fuoco sulla comprensione dei meccanismi atomistici dell'operazione dei nanocomposites per la produzione di energia termoelettrica tali che i materiali con la conducibilità termica bassa potrebbero essere sviluppati. Le simulazioni molecolari Esplicite facendo uso della dinamica molecolare (MD) sono realizzate per capire come le alterazioni della morfologia possono essere usate per diminuire la conducibilità termica nei nanocomposites. Abbiamo trovato determinate disposizioni biomimetic che potrebbero raggiungere la riduzione significativa della conduzione termica. Siamo nel corso della fabbricazione e del verificare dei tali materiali.
  • La Prestazione di Comprensione del Carburo e del Nitruro Ha Basato Nanocomposites Ceramico Ad Alta Temperatura per gli Ambienti Estremi Compreso le Applicazioni Nucleari6-12: Questo lavoro di ricerca mette a fuoco sui meccanismi di comprensione della temperatura ambiente e sulle operazioni ad alta temperatura dei materiali ceramici del nanocomposite avanzato che possono permettere all'operazione della centrale elettrica alle temperature al di sopra del K 1750 che piombo ai risparmi di temi di quasi 70% ed alla riduzione significativa delle emissioni dell'impianto. Come ramificazione, questo progetto egualmente mette a fuoco sui beni termici di questi materiali per uso possibile come i materiali multifunzionali ad alta temperatura, i materiali strutturali ad alta temperatura nelle applicazioni nucleari o sensori del calore nelle applicazioni nucleari.
  • Modellistica e Caratterizzazione di Multiscale in Materiali Ceramici dell'Ossido13-18: Il Fuoco durante questo lavoro è stato su comportamento termomeccanico di comprensione del multiscale dei materiali compositi avanzati quali i compositi multifunzionali23 di nanocrystalline di Al+FeO ed i compositi ceramici23 dell'armatura ad alta resistenza2 TiB/di AlO. Questa ricerca sulle analisi atomistiche di deformazione dei nanocomposites23 multifunzionali di Al+FeO facendo uso del MD è una del prima nell'area delle analisi atomistiche di deformazione dei nanomaterials compositi ceramici avanzati. Nelle simulazioni di MD di questa larga scala del lavoro dei compositi multifunzionali23 di nanocrystalline Al+FeO, di Al monocristallino, di FeO monocristallino23 e di varie configurazioni interfacciali di Al monocristallino e di FeO23 sono eseguiti. Nel caso compositi23 ceramici dell'armatura2 TiB/di AlO, abbiamo messo a punto ed usato un nuovo metodo degli elementi finiti coesivo (CFEM) per la caratterizzazione quantitativa della frattura dinamica.

Il contributo di cui sopra è basato forte su un approccio progettazione-sperimentale di trattamento del modellare-materiale di collaborazione del multiscale. Un'istantanea dell'approccio di collaborazione globale della ricerca sulla modellistica, sulla progettazione e sui punti culminanti di montaggio è fornita sotto.

Modellistica di Multiscale di Nanocomposites Ceramico: Un Esempio di Lavoro nel SIC-Peccato34 Nanocomposites Ceramico

Le Nostre analisi del multiscale (al nanometro e lunghezza e cronologie genealogiche di micrometro) basate su una combinazione di CFEM e di tecniche basate MD hanno rivelato che Sic le particelle ad alta resistenza e relativamente di piccole dimensioni fungono da siti di concentrazione di sforzo nella matrice34 di Peccato che piombo alla matrice intergranulare34 di Peccato che incrina come modo di errore dominante. Le analisi di CFEM egualmente hanno rivelato che dovuto un numero significativo Sic delle particelle nano di taglia che sono presenti nella matrice micro di taglia34 di Peccato, Sic le particelle invariante cadono nelle regioni di risveglio di microfratture che piombo alla concentrazione meccanica significativa. Ciò che trova è stata confermata nelle analisi di MD che hanno rivelato che la particella che ragruppa lungo il GBs aumenta significativamente la concentrazione di questi nanocomposites. Mentre alcune morfologie del nanocomposite hanno definito marcato le interfacce34 di SIC-Peccato19, altre morfologie del nanocomposite hanno diffusione degli atomi di C, di N, o di Si alle interfacce20.

Nel caso dei nanocomposites34 di SIC-Peccato, le analisi di MD egualmente hanno rivelato che le seconde particelle di fase fungono da significativo sollecitano gli allevatori nel caso della matrice monocristallina34 di fase di Peccato che pregiudica significativamente la concentrazione. Tuttavia, la presenza della particella non ha un effetto significativo sulla concentrazione meccanica delle matrici di fase di Peccato di nanocrystalline34 o di bicrystalline. La concentrazione delle strutture34 del nanocomposite di SIC-Peccato ha mostrato una correlazione non caratteristica fra lo spessore di limite (GB) di granulo e la temperatura.

La concentrazione ha mostrato la diminuzione con aumento nella temperatura per le strutture che hanno GBs spesso avere diffusione degli atomi di C, di N, o di Si. Tuttavia, per le strutture senza spessore apprezzabile di GB (nessuna diffusione degli atomi di C, di N, o di Si), dovuto il raggruppamento e l'aumento della particella nella concentrazione34 interfacciale di SIC-Peccato con la temperatura, la concentrazione è migliorato con aumento nella temperatura. Figura 2 mostra le istantanee delle analisi della propagazione di frattura in tali nanocomposites ottenuti facendo uso del CFEM.

Figura 2. Istantanee di propagazione di cricca del mesoscale e di propagazione di danno nei nanocomposites34 di Peccato

Figura 3 istantanee delle visualizzazioni ottenute facendo uso del MD. Il lavoro di ricerca Corrente mette a fuoco sull'ottenere le immagini sperimentali dei nanocomposites ceramici sviluppati dai collaboratori, sviluppanti le maglie del nanoscale CFEM su tali immagini ed eseguenti le analisi dell'errore facendo uso della combinazione di tecniche di CFEM e di MD.

Figura 3. Istantanee di propagazione atomistica dell'errore e di danno in due differenti nanocomposites di Peccato e) particella (34 Sic (matrice) a due temperature differenti.

Petascale che Computa Progettazione del Materiale Basato

Le analisi Atomistiche al nanoscale possono comunicare le informazioni importanti circa l'effetto delle funzionalità critiche quali un GB, un'interfaccia, o una giunzione tripla, Ecc. su comportamento meccanico di deformazione di piccolo campione del nanoscale (~ poco nanometro). Nel multiscale modellare tali informazioni è usata per formulare i modelli materiali di macroscala (µm del >few) per comportamento dipendente di comprensione di deformazione della microstruttura di un campione materiale come quello indicato nella Fig. 1.

I modelli matematici Appropriati delle relazioni dei beni della microstruttura concedono collegare le prestazioni come resistenza di frattura, ultima concentrazione, la vita di fatica Ecc., ai parametri della microstruttura del materiale chiave come la frazione di volume, la dimensione delle particelle e la composizione in fase. Poiché un campione tipico del nanoscale è molto più piccolo ed è sottoposto ai dintorni vari in una microstruttura tipica (per esempio la Fig. 1), l'incorporazione di informazioni del nanoscale nei modelli di macroscala è sottoposta ad incertezza statistica.

Se una microstruttura complessa deve essere progettata per un insieme mirato a dei beni, è importante che tali incertezze correttamente sono quantificate e comprese nel quadro materiale robusto di progettazione. Abbiamo aperto la strada allo sviluppo di una struttura variabile della gestione del modello di fedeltà che può comprendere le analisi materiali di comportamento ai disgaggi multipli di lunghezza in una struttura dell'ottimizzazione di progettazione21-24, (Collaborazione con il gruppo di Prof. John Renaud all'Università di Notre Dame).

Figura 4 dettagli il flusso trattato di uno strumento di gestione del modello di multi-fisica del petascale per progettazione materiale del multiscale. Spiegato su un commputer del petascale, lo strumento di progettazione sviluppato in questa ricerca, che integra atomistico e le analisi del mesoscale facendo uso di una fedeltà variabile modella la struttura della gestione, faciliterà una riduzione significativa del costo di realizzazione e del tempo dei nanomaterials con un aumento simultaneo nelle combinazioni differenti possibili di diverse fasi del materiale composito raggiungere la prestazione materiale desiderata.

La struttura di modello della gestione21,22, oltre a gestire i modelli ed i disgaggi, è egualmente ben adattata gestire il parallelismo gerarchico. La gerarchia naturale è MD all'interno di CFEM all'interno di progettazione nell'ambito di incertezza, facendo uso di un modello di programmazione misto SHMEMTM da SGI per CFEM e MPI per il MD e la modellistica di incertezza. Sia il MD che la quantificazione di incertezza (via integrazione quasi-Monte di Carlo) possono usare 1000 esboscatori universali e CFEM 10, in modo dai gruppi 1000 di quantificazione di incertezza di 10 gruppi di CFEM di 1000 esboscatori universali di HMC è 107 esboscatori universali, prossimi a al exascale.

Figura 4. Struttura Materiale di Progettazione di Petascale del Disegno Schematico

Le analisi materiali Preliminari di progettazione del sistema-modello sono state eseguite per capire i parametri riferiti la morfologia che devono essere controllati per l'insieme mirato a ottimale dei beni. L'applicazione dello strumento di progettazione sta mettendo a fuoco sui modelli compositi ceramici della fibra (CFCCs) continua dei nanocomposites34 di SIC-Peccato, la Fig. 5. La seconda fase (cerchi e cilindri) è Sic le fibre che hanno il più alto modulo elastico e più alta resistenza allo scorrimento (E) ma la tensione di snervamento più bassa e frattura la resistenza, che quella della fase primaria34 di Peccato. Il problema è di progettare il CFCC più adatto, con concentrazione e resistenza allo scorrimento massime per un insieme delle temperature esterne T, dove il numero delle variabili di progettazione dipenderà sopra se le prove di simulazione sono fatte funzionare sul modello (3-D) dimensionale 2 dimensionali (2-D) o 3. Le variabili di progettazione da considerare nel problema dell'ottimizzazione di progettazione del nanocomposite, per il 2-D modello, sono il diametro delle fibre (d) e la temperatura esterna (t). E per il modello 3-D le variabili di progettazione da considerare sono il diametro delle fibre (d), la lunghezza delle fibre (l) e la temperatura esterna (t). La definizione di problema nel modulo standard è data qui sotto:

Figura 5. fedeltà di minimo e Massima modella per i nanocomposites di CFCC

Figura 6 illustra i valori normalizzati di funzione (di 0-100) per il tasso di tensione di strisciamento e di concentrazione in funzione delle variabili di progettazione per il modello di alta fedeltà (3-D) ed il modello basso di fedeltà (2-D). Figura 6 (lasciata) mostra un aumento nella concentrazione di CFCC e una diminuzione corrispondente nel tasso di tensione di strisciamento mentre la progettazione d variabile aumenta. Similmente per il modello di alta fedeltà, la Fig. 6 (destra) mostra un aumento nella concentrazione di CFCC e una diminuzione corrispondente nel tasso di tensione di strisciamento mentre le variabili d e l di progettazione aumentano.

Figura 6. (lasciata) tasso di tensione di strisciamento e di Concentrazione a 1500oC in funzione dell'larghezza-altezza variabile di progettazione (d) per il 2-D modello basso di fedeltà. (giusto) tasso di tensione di strisciamento e di Concentrazione a 1500°C in funzione dell'larghezza-altezza di variabili di progettazione (d) e la lunghezza delle fibre (l) per l'alta fedeltà 3-D modellano.

Montaggio

Il Fuoco durante questa attività è sulla formazione della struttura di collaborazione di modellare-condiscendere-trattamento in cui i nanocomposites ceramici complessi per l'insieme mirato a dei beni meccanici e non meccanici potrebbero essere prodotti senza sprecare il tempo significativo e la moneta di prova-e-errore. Stiamo collaborando con il gruppo di Prof. Rajendra K Bordia all'Università di Washington-Seattle. La ceramica derivata Polimero (PDCs) è un approccio attraente per fare la morfologia preveduta progettazione materiale dei nanocomposites ceramici. Primo Niihara ed i suoi colleghe e poi altri hanno usato questo approccio per fare i compositi di rinforzo nanoscale di rendimento elevato25-27.

La ricerca Continuata in questa area piombo allo sviluppo di un intervallo dei nanostructures. Una specialmente classe interessante di materiali ha nanodomains principalmente amorfi di Si-O-c contenere il nanoscale rinforzi di C e Sic. Questi materiali hanno le caratteristiche desiderate per una vasta gamma di applicazioni ad alta temperatura mentre offrono il maggior controllo sopra elaborare, composizioni e il nanostructure. PDCs è prodotto pyrolyzing i polimeri preceramic ed è in genere amorfo fino a molto ad alta temperatura ma fornisce i beni del tipo di ceramica molto intriganti, quale la buona resistenza di ossidazione e di strisciamento28,29.

Alcuni dei loro beni unici sono associati con formazione in situ di nanodomains e mancanza di limiti di granulo nelle loro microstrutture. dovuto la natura polimerica (thermoset) dei precursori, questa famiglia dei materiali è facilmente processable come le fibre, le matrici per i compositi, le strutture porose e rivestimenti30,31. La Maggior Parte PDCs studiato possono essere categorizzati in tre gruppi principali: (i) i oxycarbides del silicio del carburo di silicio (Sic) (ii) (SiOC) e (iii) il silicio carbonitrides (SiCN). SiOCs e SiCNs sono distintivo dovuto la loro composizione molecolare ibrida fra SiO2 e Sic ed in mezzo Sic e SiN34, rispettivamente con il livello supplementare di carbonio “libero„ come illustrato schematicamente in Fico 7 per il sistema di Si-O-c.

Figura 7. Disegno Schematico delle Relazioni di Fase nel Sistema di Si-O-c

Una funzionalità nanostructural unica di questi materiali è che il carbonio in eccesso controllato è disperso come livelli del graphene con la dimensione del dominio di alcuni nanometri. Il Controllo di e la comprensione dello sviluppo di tali funzionalità nanostructural, facendo uso di un approccio sperimentale ed atomistico integrato di simulazione, è il fuoco della nostra ricerca di collaborazione.

Riconoscimento

Il lavoro di ricerca relativo nel nostro laboratorio è stato permesso da supporto dall'Ufficio della Forza dell'Noi-Aria di Ricerca Scientifica (Program manager: Dott. Joan Più Pieno), il Noi-Dipartimento di Energia e le Fondamenta Noi-Nazionali di Scienza


Riferimenti

1. Weimer, A.W. e Bordia, R.K., Trattamento e beni dei compositi di nanophase SiC/Si3N4. Parte B di Compositi: Engg, 1999. 30: p. 647-655.
2. Niihara, K., Nuovo concetto di progetto per i nanocomposites strutturali della ceramica-Ceamic. J. Ceram. Soc Jpn: L'emissione commemorativa centennale, 1991. 99(10): p. 974-982.
3. Samvedi, V. e Tomar, V., Analisi di resistenza termica di limite dell'interfaccia del sistema di superreticolo Si-GE in funzione di spessore di pellicola e periodicità. Nanotecnologia 20 (2009) 365701 (11pp) (Menzione Speciale dagli Editori e dai Critici), 2008.
4. Samvedi, V. e Tomar, V., Ruolo della direzione di flusso di calore, spessore di pellicola dello strato monomolecolare e periodicità nel gestire conducibilità termica di un sistema di superreticolo Si-GE. J. Appl. Phys. (anche caratterizzato in Giornale Virtuale di Scienza e Tecnologia di Nanoscale), 2008. 105: p. 013541.
5. Samvedi, V. e Tomar, V., Ruolo di tensione e morfologia nella conducibilità termica di un insieme dei superreticoli Si-GE e dei nanocomposites biomimetic Si-GE. Presentato al Giornale di Fisica-d, Fisica Applicata, 2009.
6. Tomar, simulazione di V. Multiscale della frattura dinamica in SiC-Si3N4 policristallino facendo uso di un metodo degli elementi finiti coesivo molecolare motivato. nelle quarantottesime Strutture di AIAA/ASME/ASCE/AHS/ASC, nella Dinamica Strutturale e nella Conferenza dei Materiali (23-26 aprile 2007) Honolulu, Hawai. 2007: Documento No AIAA-2007-2345.
7. Tomar, V., Analisi del ruolo delle seconde di fase particelle Sic nella variazione dipendente di resistenza di frattura di microstruttura dei nanocomposites SiC-Si3N4. Modellistica del Simul. Mater. Sci. L'Ing, 2008. 16: p. 035001.
8. Tomar, V., Analisi del ruolo dei limiti di granulo nella resistenza dinamica di frattura del mesoscale dei nanocomposites intergranulari SiC-Si3N4. L'Ing Fract. Mech., 2008. 75: p. 4501-4512.
9. Tomar, V. e Gan, M., nanomechanics dipendente di Temperatura dei nanocomposites di si-c-N con un conto dei limiti di raggruppamento e di granulo della particella. presentato al Int. J. Energia di Idrogeno, 2009.
10. Tomar, V., Gan, M. e Kim, H., Effetto della temperatura e morfologia su concentrazione meccanica dei nanocomposites di Si-C-N e di Si-C-o. Presentato al Giornale della Società Ceramica Europea, 2009.
11. Tomar, V. e Samvedi, V., comprensione basata simulazioni Atomistiche del meccanismo dietro il ruolo delle seconde particelle di fase Sic nella resistenza di frattura dei nanocomposites SiC-Si3N4. Giornale Internazionale di Assistenza Tecnica Di Calcolo di Multiscale, 2009 (DOI: 10.1615/IntJMultCompEng.v7.i4.40, 277-294 pagine).
12. Tomar, V., Samvedi, V. e Kim, H., comprensione Atomistica del raggruppamento della particella ed effetto di dimensione delle particelle sulla concentrazione di temperatura ambiente dei nanocomposites SiC-Si3N4. per comparire in Int. J. Multiscale Comp. Engg. numero speciale sugli Avanzamenti Nella Scienza dei Materiali Di Calcolo, 2009.
13. Tomar, V., Modellistica Molecolare del Sistema del Nanomaterial Al-Fe2O3. 2009: Dott. Müller Aktiengesellschaft & Co. CHILOGRAMMO, ISBN 978-3-639-15858-8 di VDM Verlag.
14. Tomar, V. e Zhou, M. Un potenziale empirico di dinamica molecolare per una miscela reattiva della polvere di metallo Al+Fe2O3. in quarantacinquesime strutture di AIAA/ASME/ASCE/AHS/ASC, conferenza strutturale dei materiali e di dinamica. 2004. Palm Springs, CA U.S.A.: AIAA.
15. Analisi Deterministiche e stocastiche di Tomar, del V. e di Zhou, del M., della frattura dinamica nelle microstrutture ceramiche bifasi con i beni materiali casuali. L'Ing Fract. Mech., 2005. 72: p. 1920-1941.
16. Tomar, V. e Zhou, M., potenziale Classico di molecolare-dinamica per la concentrazione meccanica del nanocrystalline fcc-Al+a-Fe2O3 composito. Rev B, 2006. 73 di Phys: p. 174116 (1-16).
17. Tomar, V. e Zhou, M., asimmetria di concentrazione di Tensione-Compressione dei compositi del ceramico-metallo di nanocrystalline a-Fe2O3+fcc-Al. Appl. Phys. Lett., 2006. 88: p. 233107 (1-3).
18. Tomar, V. e Zhou, M., Analisi di deformazione di tensione dei compositi di nanocrystalline a-Fe2O3+fcc-Al facendo uso della dinamica molecolare classica. Giornale dei Meccanismi e della Fisica dei Solidi, 2007. 55: p. 1053-1085.
19. Bill, J., Kamphowe, T.W., Mueller, A., Wichmann, T., Zern, A., Jalowieki, A., Mayer, J., Weinmann, M., Schuhmacher, J., Mueller, K., Peng, J., Seifert, H.J. e Aldinger, F., ceramica Precursore-Derivata del C-N di Si (B): termolisi, stato di amorphus e cristallizzazione. Appl. Chimica Organometallica, 2001. 2001(15): p. 777-793.
20. Jalowiecki, A., Bill, J., Aldinger, F. e Mayer, J., caratterizzazione dell'Interfaccia di Si3N4 B-Verniciato nanosized/Sic di ceramica. I Compositi Parte A, 1996. 27A: p. 721.
21. Gano, S.E., Agarwal, il H., Renaud, J.E. e Tovar, A., l'Affidabilità hanno basato la progettazione facendo uso dell'ottimizzazione variabile di fedeltà. Assistenza Tecnica dell'Infrastruttura e della Struttura, 2006. 2 (3-4): p. 247-260.
22. Gano, S.E., Renaud, J.E. e le Sabbiatrici, l'ottimizzazione di fedeltà di B. Variable facendo uso di un krigin hanno basato la funzione di operazione di disgaggio. nella decime analisi di AIAA/ISSMO e conferenza Pluridisciplinari di ottimizzazione. 2004. Albany, New York.
23. Mejia-Rodriguez, G., Renaud, J.E. e Tomar V., struttura variabile della gestione del modello di fedeltà di A per la progettazione dei materiali multifasi. Giornale di ASME di Progettazione Meccanica, 2007. 130: p. 091702-1 - 13.
24. Mejia-Rodriguez, G., Renaud, J.E. e Tomar V. Una metodologia per progettazione di calcolo del multiscale dei compositi ceramici continui della fibra SiC-Si3N4 basati sulla struttura variabile della gestione del modello di fedeltà. nella terza Conferenza Pluridisciplinare dello Specialista di Ottimizzazione di Progettazione di AIAA (23-26 aprile 2007) Honolulu, le Hawai. 2007: Documento No AIAA-2007-1908.
25. Kroke, E., Li, Y. - la L., Konetschny, il C., Lecomte, il E., Fasel, il C. e Riedel, il R., Silazane hanno derivato la ceramica ed hanno collegato i materiali. Stuoia. Sci. ed Engr.: R: Rapporti, 2000. 26 (4-6.): p. 197-199.
26. Niihara, K., Izaki, K. e Kawakami, T., nanocomposites Piccante-Stampati di Si3N4-32%SiC dalla polvere amorfa di Si-C-N con concentrazione migliore sopra 1200O C.J di Scienza dei Materiali Letters, 1990. 10: p. 112-114.
27. Pallido, J., Duan, R. - G., Gasch, M.J. e Mukherjee, A.K., compositi nano-nani Altamente strisciamento-resistenti del nitruro di silicio/carburo di silicio. J. Ceram. Soc, 2006. 89(1): P. Pp. 274-280.
28. Raj, R., L., Scià, S.R., Riedel, R., Fasel, C. e Kleebe, H. - J., cinetica dell'Ossidazione di un silicio amorfo carbonitride ceramico. J. Ceram. Soc, 2001. 84(7): p. 1803-10.
29. Rouxel, T., Soraru, G.D. e viscosità di Vicens, del J., di Strisciamento e rilassamento di sforzo dei vetri gel-derivati di oxycarbide del silicio. J. Ceram. Soc, 2001. 84(5): p. 1052-1058.
30. Riedel, R., Mera, G., Hausner, R. e Klonczynski, A., a ceramica polimero-derivata Basata a silicio: Rassegna dei beni e di applicazioni-un di Sintesi. J. Ceram. Soc di. Il Giappone, 2006. 114(6): p. 425-444.
31. Torrey, J.D., Bordia, R.K., Jr. di Henager, C.H., Blum, Y., Shin, Y. e Samuels, W.D., sistema ceramico derivato polimero Composito per gli ambienti d'ossidazione. Giornale di Scienza dei Materiali, 2006. 41: p. 4617-4622.

Copyright AZoNano.com, il Professor Vikas Tomar (Purdue University)

Date Added: Jan 31, 2010 | Updated: Jun 11, 2013

Last Update: 13. June 2013 23:17

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this article?

Leave your feedback
Submit