Sviluppo di Salubrità e delle Norme di Sicurezza Per Supportare la Gestione Di Sanità E Sicurezza dell'Attività di Nanotecnologia

da Dott. Howard Morris

Dott. Howard Morris, Nanotecnologia OHS Program Manager, Lavoro Sicuro Australia
Autore Corrispondente: Howard.Morris@SafeWorkAustralia.gov.au

Introduzione

Le Nanotecnologie portano il potenziale per il vantaggio enorme, ma ci sono egualmente alcuni rischi connessi con il suo uso, dato la conoscenza limitata circa gli effetti sulla salute di nuovi nanomaterials. I Lavoratori possono avere la più grande esposizione a questi nanomaterials e quindi possono sopportare i più grandi rischi per gli effetti avversi della sicurezza e di sanità. Lo sviluppo e l'applicazione di efficace salubrità e le norme di sicurezza contribuiranno a proteggere sanità e sicurezza della gente che lavora con i nanomaterials.

Ci sono molti tipi differenti di sicurezza e salubrità di standard compreso quelli sviluppati vicino:

  • Organizzazioni Internazionali, quale l'Organizzazione per Cooperazione Economica e Sviluppo (OCSE) ed il International Organization for Standardization (ISO).
  • Agenzie Regolarici - gli esempi sono standard e specifiche quali gli standard di esposizione nazionali del posto di lavoro1 (Lavoro Sicuro Australia 2010) e Codici Morali Professionali, Compreso quelli per le schede di dati ed i contrassegni della sicurezza, che diventano obbligatori una volta adottati nei regolamenti.
  • Organismi Nazionali dell'standard-impostazione quali gli Standard Australia e l'Istituzione di Standard Britannici (BSI) - per esempio la guida di A del BSI alla manipolazione della cassaforte ed alla disposizione dei nanomaterials fabbricati (BSI 2007).
  • Associazioni di Industria.

Questo articolo esamina come gli standard2 ed i documenti relativi possono supportare l'efficace gestione di sanità e sicurezza dalle organizzazioni di nanotecnologia, considera le emissioni connesse con lo sviluppo e l'uso degli standard ed identifica il fuoco potenziale di lavori futuri. le informazioni Australia-Specifiche sono usate per illustrare queste emissioni.

1 Inoltre conosciuto come le dosi massime ammissibili per le persone esposte per ragioni professionali o limiti di esposizione del posto di lavoro

2 Ai fini di questo articolo, gli strumenti quali i regolamenti sono considerati come standard - fissano i risultati che devono essere conseguiti

3 Corrente, i regolamenti chimici di OHS in Australia sono basati sui Regolamenti Di Modello Nazionali per il Controllo delle Sostanze Pericolose del Posto Di Lavoro (NOHSC 1994) e sullo Standard Nazionale per l'Archiviazione e la Manipolazione delle Merci Pericolose (NOHSC 2001). Questi corrente stanno rivedendi e combinando per l'inclusione come regolamenti pericolosi dei prodotti chimici come componente dello sviluppo della legislazione di modello nazionale.

4 Alcune organizzazioni hanno proposto che l'intervallo di grandezza nella definizione fosse esteso, per esempio gli Amici della Terra Australia (FOEA 2010).

5 NIOSH (2005) ha raccomandato i limiti di esposizione di 1,5 mg/m3 per TiO fine2 e di 0,1 mg/m3 per TiO ultrafine2, come concentrazioni medie ponderate nel tempo (TWA) per fino a 10 ore/giorno durante la settimana lavorativa di 40 ore.

Efficace Gestione di Sanità E Sicurezza

Le organizzazioni di Nanotecnologia possono proteggere sanità e sicurezza dei lavoratori tramite l'implementazione ed il mantenimento di efficaci pratiche normali per il lavoro con le nanotecnologie. Tuttavia, queste pratiche devono essere scientifico sane ed efficaci in pratica.

Che necessità di esistere raggiungere l'efficace gestione di sanità e sicurezza?

Le aree Chiave per considerazione, come appare schematicamente Figura 1, sono:

  • regolamento appropriato, cioè definendo che cosa deve essere fatto
  • avendo informazioni utili ed affidabili spiegare come gestire sanità e sicurezza efficacemente
  • contributo esterno alle organizzazioni
  • risorse interne per gestire sanità e sicurezza del lavoro efficacemente e
  • verifica dell'efficacia delle pratiche normali.
Figura 1: Efficace gestione di sanità e sicurezza

Sviluppo delle Norme Internazionali per le Nanotecnologie

Per le nanotecnologie, la salubrità e le norme di sicurezza internazionali ed i documenti relativi compreso le caratteristiche tecniche, i rapporti tecnici ed i materiali di orientamento stanno sviluppandi attraverso il Gruppo Di Lavoro Del Comitato Tecnico di Nanotecnologia di ISO (TC 229) 3 ed attraverso il Gruppo Di Lavoro dell'OCSE per i Nanomaterials Fabbricati (WPMN).

Le aree del fuoco per il Gruppo Di Lavoro di ISO IL TC 229 3 sono indicate nella Figura 2 e queste costituiscono la base della carta stradale per il gruppo di lavoro. I progetti Specifici del Gruppo Di Lavoro 3 sono indicati in Tabella 1 e l'ISO ha pubblicato un Rapporto Tecnico sulle Pratiche di Sanità E Sicurezza Nelle Impostazioni Professionali Relative alle Nanotecnologie nel 2008 (ISO 2008).

Figura 2: Aree del Fuoco del Gruppo Di Lavoro di ISO TC229 3

Tabella 1: Progetti del Gruppo Di Lavoro di ISO TC229 3

Gruppo di Progetto Progetto Paese Principale
1 Pratiche di sicurezza & di Salubrità nelle impostazioni professionali relative al 12885:2008 di nanotecnologie ISO/TR pubblicato (2008) U.S.A.
2 Prova dell'Endotossina per i campioni del nanomaterial Il Giappone
3 Generazione dei Nanomaterials per la prova di tossicità da inalazione La Corea
4 Caratterizzazione dei nanomaterials per la prova di tossicità da inalazione La Corea
5 Parametri Fisico-chimici per la valutazione di tossicologia U.S.A.
6 Guida alla manipolazione della cassaforte & alla disposizione dei nanomaterials fabbricati Il REGNO UNITO
7 Trattamento di valutazione del rischio dei Nanomaterials U.S.A.
8 Gestione dei rischi Professionale basata sull'approccio della fascia di controllo La Francia
9 Preparando le Schede di Dati di Sicurezza (SDS) per i nanomaterials fabbricati La Corea
10 Caratterizzazione Di Superficie delle nanoparticelle dell'oro per la selezione di tossicità specifica del nanomaterial: Metodo di FT-IR La Corea

I Dettagli del Gruppo Di Lavoro dell'OCSE per il Programma Fabbricato dei Nanomaterials (WPMN) sono in Tabella 2 ed una serie di rapporti su lavoro nel quadro di questo programma sono stati pubblicati (OCSE 2010). Un collegamento convenzionale è stato stabilito fra l'ISO TC229 e l'OCSE WPMN per assicurare la coerenza fra i programmi di lavoro.

Gestione di sanità e sicurezza del lavoro di sostegno di Questi standard da parte a parte:

  • supporto del regolamento delle nanotecnologie e
  • fornendo informazioni, per esempio attraverso i documenti di orientamento, a direttamente supporta le organizzazioni di nanotecnologia.

Tabella 2: Programma dell'OCSE WPMN

Progetti
Database dell'OCSE sui Nanomaterials Fabbricati Per Informare ed Analizzare le Attività di Ricerca di EHS
Prova di Sicurezza di un Insieme Rappresentativo dei Nanomaterials Fabbricati: “Il Programma di Patrocinio per le Prove dei Nanomaterials Fabbricati„
Nanomaterials Fabbricati e Linee guida della Prova
Cooperazione sugli Schemi Volontari e sui Programmi Regolatori
Cooperazione sulla Valutazione del Rischio
Il Ruolo dei Metodi Alternativi in Nanotoxicology
Misura di Esposizione e Diminuzione di Esposizione
Cooperazione sull'Uso In Condizioni Ambientali Sostenibile di Nanotecnologia

Regolamento delle Nanotecnologie

Il regolamento delle nanotecnologie deve definire chiaramente per i supporti di imposta che cosa deve essere fatto. Questa sezione copre:

  • L'approccio corrente al regolamento in Australia.
  • Emissioni che urtano sul regolamento dei nanomaterials.
  • Atti che sono l'Australia contenuta da progredire queste emissioni.
  • Documenti Chiave che sono adottati nel regolamento, o sono forniti di rimandi dal regolamento - così trasformandosi in standard regolatori o obbligatori.

Le Emissioni concernenti il regolamento delle nanotecnologie sono riassunte nella Figura 3 qui sotto.

Figura 3: Regolamento delle nanotecnologie

Approccio al Regolamento delle Nanotecnologie in Australia

Le obbligazioni giuridiche di sanità e sicurezza del lavoro dell'Australia richiedono quella (DIISR 2009):

  • i produttori assicurano che, per quanto ragionevolmente praticabili, le sostanze sono fabbricate essere sicure se sono usate come previste
  • i fornitori si assicurano che, per quanto ragionevolmente praticabili, le sostanze hanno fornito ai laboratori di ricerca ed ai posti di lavoro sia sicuro se sono usate come previste
  • i datori di lavoro forniscono e mantengono un luogo di lavoro che è sicuro e
  • i lavoratori seguono i requisiti di sanità e sicurezza del lavoro proteggere la loro proprie sanità e sicurezza e quello di altri che possano essere influenzati tramite il lavoro che stanno facendo.

Gli obblighi Generali nell'ambito di legislazione sulla salute e la sicurezza del lavoro, compreso i regolamenti chimici per le sostanze pericolose e le merci pericolose, devono essere onorati per i nanomaterials e le nanotecnologie3. I nanomaterials Costruiti possono continuare ad essere regolamentato nell'ambito della struttura regolatrice di sanità e sicurezza dell'attività in corso. Tuttavia, una serie di emissioni devono essere affrontate per assicurare l'efficace regolamento dei nanomaterials costruiti, per esempio ad efficace attività di conformità di sostegno dai regolatori.

Lo Schema Industriale Nazionale Australiano di Notifica e di Valutazione dei Prodotti Chimici (NICNAS) ha sviluppato di recente una proposta di riforma regolatrice dei nanomaterials industriali in Australia (NICNAS 2009), che contribuirà a salubrità ed alla norma di sicurezza del lavoro.

Corrente ci sono informazioni limitate di rischio e soltanto di rischio per la maggior parte dei nanomaterials. Dove c'è una mancanza di informazioni, l'uso di un approccio preventivo quando tratta i nanomaterials costruiti è autorizzato, fino a generare la prova dei loro beni pericolosi. Ciò può essere interpretata come, dove c'è il potenziale per l'esposizione del lavoratore, le organizzazioni che lavorano con i nanomaterials dovrebbero usare i livelli elevati dei comandi che sono praticabili e diminuire le esposizioni basse quanto praticabile. Ciò differisce dai requisiti correnti della legislazione che sono limitati a fornire che cosa è ragionevolmente praticabile e sono basati su una comprensione sana dei rischi e dei rischi.

Emissioni che Urtano sul Regolamento delle Nanotecnologie

Definizione dei Nanomaterials

L'ISO ha sviluppato una definizione di lavoro di nanotecnologia come: L'applicazione di conoscenza scientifica per gestire ed utilizzare materia al nanoscale, in cui i beni o i fenomeni in relazione con la dimensione possono emergere. Nanoscale è stato definito come l'intervallo di grandezza da approssimativamente 1nm a 100nm4 (ISO 2008a), con una nota che specifica che i Beni che non sono tipicamente le estrapolazioni da una più grande volontà, ma non esclusivamente, sono presentati in questo intervallo di grandezza. Per tali beni i limiti di dimensione sono considerati approssimativi. Questa nota aggiunta è estremamente importante da un punto di vista della gestione di sanità e sicurezza del lavoro.

La base della gestione di sanità e sicurezza del lavoro sta gestendo il rischio connesso con il materiale e così se una particella è 80 nanometro o 120 nanometro (cioè dentro e fuori dell'intervallo del nanoscale) sono in qualche modo irrilevanti da un punto di vista di sanità e sicurezza del lavoro se il rischio connesso con il materiale è immutato. La Polonia ed altri (2008) ha mostrato quella che espone il rivestimento mesothelial dell'intercapedine di organismo dei mouse a; (a) i gruppi e le magliette giro collo dispersi della lunghezza lunga ed intermedia multi-hanno murato i nanotubes del carbonio con un diametro medio di 85 nanometro e (b) i gruppi e le corde lunghi dei nanotubes multi-murati del carbonio con un diametro medio di 165 nanometro, hanno provocato il comportamento del tipo di amianto e patogeno in entrambi i casi.

Emissioni Generali

Le emissioni Generali che urtano sul regolamento delle nanotecnologie includono:

  • aggiungendo dettaglio nel quadro alle nanotecnologie del coperchio giustamente
  • miglioramento della comprensione dei beni pericolosi dei nanomaterials costruiti
  • capacità di sviluppo di misura di sanità e sicurezza dell'attività di nanotecnologia
  • miglioramento della comprensione dell'efficacia dei comandi del posto di lavoro e
  • assicurando consistenza internazionalmente.

Programma Australiano Da Progredire Queste Emissioni

Per progredire queste emissioni, il Lavoro Sicuro Australia sta applicando il Programma di Nanotecnologia OHS (il Lavoro Sicuro Australia 2010a) e un numero significativo dei progetti di salubrità e di ricerca in materia di sicurezza dell'attività di nanotecnologia è stato incaricato per supportare il programma (Tabella 3).

Tabella 3: Progetti incaricati nel quadro del Programma della Nanotecnologia OHS dell'Australia Sicura del Lavoro

Progetto
Ricercatori
Efficacia dei comandi del posto di lavoro per i nanomaterials costruiti
RMIT University (Pubblicata, Il 9 novembre)
Tossicologia ed effetti sulla salute connessi con i nanomaterials costruiti
PTY Srl di Toxikos (Pubblicato, Il 9 novembre)
Rassegna delle Schede di Dati & del posto di lavoro (MSDS) Materiali di Sicurezza che contrassegnano per i nanomaterials costruiti
PTY Srl di Toxikos
Rassegna dei rischi fisico-chimici (di sicurezza)
PTY Srl di Toxikos
Rassegna delle opportunità affinchè sostituzione/modifica diminuiscano i rischi potenziali
RMIT University
Esame delle emissioni della stampante a laser
Salubrità dell'Università Tecnologica e del Posto Di Lavoro del Queensland & Sicurezza Queensland
Possibilità adi standard di esposizione basati a gruppo ed applicazione della fascia di controllo per i nanomaterials costruiti
Monash University
Rilevazione dei nanotubes del carbonio nelle impostazioni del posto di lavoro
La CSIRO
Ricerca Sperimentale su durevolezza & su bio--persistenza dei nanotubes del carbonio
La CSIRO, Istituto BRITANNICO di Medicina Del Lavoro Ed Università di Edimburgo
Valutazione delle tecniche di misura per i tipi differenti di nanomaterials costruiti & la misura delle esposizioni nelle impostazioni del posto di lavoro
Salubrità dell'Università Tecnologica e del Posto Di Lavoro del Queensland & Sicurezza Queensland
Valutazione delle esposizioni ai nanomaterials costruiti nelle impostazioni del posto di lavoro.
Partner del Flinders

Documenti Chiave che Sono Adottati nel Regolamento, o Sono Forniti Di Rimandi dal Regolamento - così trasformandosi in Standard Regolatori o Obbligatori

Per Quanto Riguarda gli standard ed i Codici Morali Professionali Nazionali con la condizione legale, il dettaglio all'interno di questi sta esaminando per controllare che copre giustamente i nanomaterials. Un'emissione specifica allo studio è come questi strumenti possono riguardare giustamente la situazione attuale, con i livelli di incertezza circa i rischi ed i rischi connessi con i nuovi nanomaterials costruiti.

Il Lavoro Sicuro Australia è informazioni di progettazione per coprire i nanomaterials per una serie di documenti regolatori di criterio (Lavoro Sicuro Australia 2009), supportanti il lavoro sullo sviluppo delle leggi di modello di sanità e sicurezza del lavoro per l'Australia (Lavoro Sicuro Australia 2009a). Questi includono:

  • Codice Morale Professionale della Cambiale Nazionale per il Preparato delle Schede di Dati di Sicurezza (SDS). La Parte 5,9 contiene i nuovi parametri fisico-chimici extra per coprire i nanomaterials.
  • Criteri Australiani della Cambiale per la Classificazione dei Prodotti Chimici Pericolosi. La Parte 1,5 specificamente riguarda la classificazione dei nanomaterials costruiti.

Queste bozze di documento sono state con un trattamento di commento pubblico e corrente stanno esaminande e rivedende basato sulle osservazioni ricevute.

Schede di Dati e Contrassegni di Sicurezza

Il progetto del Gruppo Di Lavoro di ISO TC229 3 sul Preparare le Schede di Dati della Sicurezza (SDS) per i Nanomaterials Fabbricati è un buon esempio di come gli standard regolatori possono essere supportati tramite lo sviluppo delle norme internazionali non regolarici e dei documenti riferiti. Questo progetto direttamente supporta il regolamento. Il progetto riconosce l'esistenza dei documenti correnti (per esempio il Codice Morale Professionale Nazionale Australiano per MSDS) e sta sviluppando il consiglio su cui mettere in ciascuna delle 16 sezioni di una Scheda di Dati della Sicurezza, cioè nel Sistema Globalmente Armonizzato della Classificazione ed il Contrassegno dei Prodotti Chimici (GHS) formattano, per i nanomaterials specificamente.

Il Contrassegno è un'emissione che è la sorgente di preoccupazione globalmente. Ci sono stati una serie di richieste per il contrassegno obbligatorio dei nanomaterials per uso del posto di lavoro, per esempio dal Consiglio Australiano dei Sindacati (ACTU 2009). I requisiti legislativi di sanità e sicurezza dell'attività in corso del contrassegno dei prodotti chimici del posto di lavoro richiedono che i beni pericolosi specifici del materiale siano identificati sul contrassegno, indipendentemente dal modulo del materiale. Di Conseguenza questi informazioni devono essere fornite per tutti i nanomaterials o prodotti che contengono i nanomaterials che hanno beni pericolosi. Tuttavia, questo sistema conta su informazioni di rischio che sono disponibili. L'emissione di cui le informazioni preventive dovrebbero essere fornite per i nanomaterials dei rischi incerti rimane. Un'emissione importante ulteriore sta mantenendo la consistenza con il GHS.

Standard di Esposizione

Gli standard di Esposizione sono standard importanti di igiene del lavoro che supportano il regolamento. Ci sono un piccolo numero di standard di esposizione per i nanomaterials che non sono nuovi, per esempio una serie di moduli di nero di carbonio e del nanoscale fumed della silice e queste sostanze hanno rispettivamente Standard di Esposizione Nazionali Australiani di 3mg/m3 e di 2mg/m3 (Lavoro Sicuro Australia 2010). Gli STATI UNITI NIOSH hanno proposto i limiti di esposizione per TiO fine ed ultrafine2 di 1.5mg/m e3 0,1 mg/m rispettivamente3 (NIOSH5 2005) e per il confronto, lo Standard di Esposizione Nazionale Australiano per TiO è2 10mg/m (Lavoro3 Sicuro Australia 2010).

L'Istituzione di Standard Britannici (BSI) nella guida alla manipolazione della cassaforte ed alla disposizione dei nanomaterials fabbricati (BSI 2007) ha proposto i Livelli di Esposizione del Benchmark (BELs) per i gruppi di nanomaterials fabbricati, con la nota quello:

“Questi sono intesi per fornire i livelli ragionevolmente prudenti e sono basati su ogni caso sul presupposto che il potenziale di rischio del modulo di nanoparticella è maggior di grande modulo della particella. Questo presupposto non sarà valido in tutti i casi. Sebbene questi livelli del benchmark si riferiscano ai limiti di esposizione correnti, rigorosamente non sono stati sviluppati. Piuttosto, sono intesi mentre l'orientamento pragmatico livella soltanto e non dovrebbe essere presupposto per essere limiti di esposizione sicuri del posto di lavoro.„

I Bel proposti sono:

  • Nanomaterials Fibrosi - 0,01 fibres/ml.
  • Nanomaterials classificati come tossine cancerogene, mutagene, asthmagenic o riproduttive (CMAR) - materiale alla rinfusa di Limite di Esposizione (WEL) del Posto Di Lavoro 0.1x.
  • Nanomaterials Insolubili - 0,066 materiali alla rinfusa di x WEL.
  • Nanomaterials Solubili - 0,5 materiali alla rinfusa di x WEL.

Mentre c'è stato dibattito circa la quantificazione di Bel, il raggruppamento dei materiali e l'applicazione potenziale dei Bel (per esempio su come misurare i nanomaterials fibrosi), danno un punto di partenza per considerazione degli standard di esposizione. Il Raggruppamento dei nanomaterials può essere l'approccio più pratico per la definizione degli standard piuttosto che su una base del nanomaterial-da-nanomaterial, dato il numero mai espandentesi dei nanomaterials costruiti che sono usando. Il Raggruppamento è egualmente efficace nella facilitazione dell'uso degli approcci della fascia di controllo. Questi Bel corrente stanno esaminandi in un progetto incaricato l'Australia Sicuro del Lavoro.

In una rassegna recente della tossicologia e dei rischi per la salute dei nanomaterials costruiti (Ha Dissipato ed altri 2009), celebri quello:

“la prova porta ad una conclusione che poichè uno standard preventivo tutto il CNTs biopersistent, o i cumuli di CNTs, delle dimensioni patogene della fibra potrebbe essere considerato come presentazione del rischio potenziale del mesotelioma e fibrogenico a meno che dimostrato altrimenti dalle prove appropriate„

Dato ci possono potenzialmente essere effetti sulla salute avversi seri dall'esposizione di inalazione ai nanotubes del carbonio, per specificare i requisiti requlatory ed informare così gli standard obbligatori, il Lavoro Sicuro Australia ha incaricato NICNAS di intraprendere una valutazione di rischio per la salute dei nanotubes del carbonio per la classificazione. Inoltre, per supportare il regolamento e le organizzazioni che trattano i nanotubes del carbonio, l'Organismo Di Ricerca Industriale Scientifico del Commonwealth Australiano (CSIRO) è stato incaricato per sviluppare l'orientamento per la manipolazione della cassaforte e la disposizione dei nanotubes del carbonio.

Informazioni Di Sanità E Sicurezza di Nanotecnologia

In questa sezione, le informazioni su come proteggere sanità e sicurezza dei lavoratori sono esaminate, compreso il contributo notevole degli standard (non obbligatori) non regolatori.

I Bisogni delle Organizzazioni

Le organizzazioni di Nanotecnologia sono di vari moduli ed includono i laboratori di ricerca all'interno delle università, di piccole preoccupazioni dell'annuncio pubblicitario e delle unità in seno alle grandi società. I fabbisogni informativi di queste organizzazioni sono differenti, per esempio dovuto la variazione delle risorse interne a sanità e sicurezza del lavoro di sostegno e quindi lo sviluppo di standard dovrebbe riflettere l'intervallo dei bisogni.

Sorgenti di Informazioni di Sanità E Sicurezza

Ci sono molte sorgenti differenti di informazioni non regolarici di sanità e sicurezza di nanotecnologia, compreso il cittadino e le norme internazionali, come indicato su Figura 4. Un'indagine Australiana recente di atteggiamento e di consapevolezza della comunità di nanotecnologia (DIISR 2010) ha notato l'importanza di Internet nel fornire informazioni alla gente sulle novità in scienza e tecnologia ed alla maggior parte della gente li ha consigliati farebbe una Ricerca con Google.

Una quantità di informazioni crescente è disponibile sopra:

  • Rischi del Nanomaterial, in particolare rischi per la salute. C'è una poca quantità di informazioni concernente i rischi per la sicurezza, ma un rapporto dai Laboratori Britannici di Sanità E Sicurezza (HSL) sui beni di esplosione e dell'Incendio dei nanopowders recentemente è stato pubblicato (ORGANO PERMANENTE PER LA SALUTE E SICUREZZA 2010).
  • Pratiche impedire e gestire le emissioni e le esposizioni del posto di lavoro
  • Misura delle emissioni e delle esposizioni dei nanomaterials in posti di lavoro
  • Approcci della Gestione dei rischi.
Figura 4: Informazioni di Salubrità & di Sicurezza di Nanotecnologia

Verifica dell'Efficacia delle Pratiche Normali

La Verifica dell'efficacia delle pratiche normali richiederà la misura delle esposizioni e delle emissioni, durante lo sviluppo delle pratiche per esempio per l'inclusione negli standard ed una volta applicata in posti di lavoro. Lo sviluppo degli standard di misura sarà descritto qui sotto. Dove c'è l'esposizione potenziale, l'uso di controllo sanitario può essere appropriato.

Comunque per le nanotecnologie, le pratiche di controllo sanitario non sono ancora disponibili, eccetto dove definito per le sostanze senza specificità di nano-dimensione, per esempio per cadmio e piombo (NOHSC 1995). Il controllo sanitario per i lavoratori potenzialmente esposti alle nanoparticelle costruite è stato considerato da Schulte ed altri (2008) e l'Istituto Nazionale degli STATI UNITI per il Salute E Sicurezza Sul Lavoro (NIOSH 2009). Questo argomento sarà esaminato più ulteriormente in una prossima conferenza nel luglio 2010 sui Nanomaterials e sulla Salubrità del Lavoratore: Controllo Medico, Registrazioni di Esposizione e Ricerca Epidemiologica, sistemata dagli STATI UNITI NIOSH.

Sviluppo degli Standard di Misura di Nanotecnologia OHS

Una serie di studi ora hanno dimostrato con la misura che i comandi convenzionali di igiene del lavoro (per esempio sistema di chiusura trattato e ventilazione locale) possono contribuire ad impedire l'esposizione di inalazione ai nanomaterials fabbricati (Jackson ed altri 2009).

Tuttavia, la misura delle emissioni del nanomaterial e delle esposizioni è critica nella gestione supportante di sanità e sicurezza del lavoro. Relativamente allo sviluppo di uno standard, una base può essere fornita dalla Tecnica di Valutazione dell'Emissione di Nanoparticella (NEAT) (Methner ed altri 2010), sviluppata dagli STATI UNITI NIOSH. Ciò è basata sopra:

  • l'uso simultaneo di un Contatore della Particella di Condensazione (CPC) e del Contatore Ottico della Particella (OPC) misurare la concentrazione in numero delle particelle sospese nell'aria ed indicare se queste particelle sono particelle del nanoscale, o di più grandi particelle, per esempio cumuli ed agglomerati delle nanoparticelle e
  • a campionamento dell'aria basato a filtro per la misura di concentrazione di massa e la caratterizzazione della particella (composizione, forma).

Questa procedura è la base dell'orientamento sulla valutazione iniziale delle emissioni del nanomaterial pubblicate dall'OCSE WPMN nel 2009 (OCSE 2009). Il Lavoro Sicuro Australia ha incaricato i due progetti di convalidare l'uso della procedura dell'OCSE WPMN per un intervallo dei nanomaterials costruiti.

Uso della Fascia di Controllo per le Nanotecnologie

Mentre le informazioni sui rischi, sulla misura e sui comandi stanno generande, le organizzazioni devono gestire le esposizioni efficacemente. Con l'informazione disponibile di rischio e di rischio limitato, l'approccio della fascia di controllo è un approccio della gestione dei rischi da considerare. Ci sono vari modi la fascia di controllo che può essere usata, per esempio:

  • le organizzazioni possono intraprendere una valutazione della fascia di controllo, per esempio per mezzo del Controllo che Lega Nanotool (Paik ed altri 2008, Zalk ed altri 2009), o
  • gli esperti possono sviluppare l'orientamento basato sulla fascia di controllo, per esempio Calcolano 3 nella guida del BSI alla manipolazione della cassaforte ed alla disposizione dei nanomaterials fabbricati (BSI 2007). Le Organizzazioni possono poi usare questo orientamento come componente di un trattamento convenzionale di valutazione del rischio, scegliente le lamiere sottili giuste di orientamento di controllo, sviluppate dagli esperti, per i loro materiali/trattamenti/mansioni.

L'approccio più adatto dipenderà dalla natura dell'organizzazione di nanotecnologia (come discusso sopra). Progetto 8 del Gruppo Di Lavoro di ISO TC 229 3 (Tabella 1) sta esaminando la gestione dei rischi professionale basata sull'approccio della fascia di controllo e sta considerando gli approcci differenti alla fascia di controllo.

Contributo Esterno alle Organizzazioni di Nanotecnologia

Il supporto Esterno può essere fornito da una serie di organizzazioni, quali i regolatori, le agenzie di criterio, le associazioni dell'industria, gli igienisti professionali o i sindacati (Figura 5). Ma per potere fornire questo supporto, gli sviluppi sono necessari fornire:

  • standard per la misura delle emissioni e delle esposizioni dei nanomaterials e
  • orientamento convalidato specifico per controllo dei trattamenti.
Figura 5: Supporto Esterno

Riassunto

Questo articolo ha esaminato come lo sviluppo delle norme di sicurezza e di salubrità per le nanotecnologie è critico nel contribuire a proteggere sanità e sicurezza dei lavoratori. Un intervallo dell'internazionale, il cittadino ed altri documenti relativi e di standard ora stanno elaborandi facendo uso di informazioni ottenute tramite la ricerca mirata a per supportare la gestione di sanità e sicurezza del lavoro per le nanotecnologie. Questo lavoro include:

  • aggiungendo dettaglio alla struttura regolatrice di sanità e sicurezza del lavoro per riguardare giustamente le nanotecnologie
  • ricerca supportante di tossicologia sui beni pericolosi di nuovi nanomaterials costruiti
  • standard di sviluppo per la misura di sanità e sicurezza dell'attività di nanotecnologia e
  • fornendo orientamento sugli efficaci comandi del posto di lavoro per supportare le organizzazioni.

Ringraziamenti

L'autore riconosce i contributi del Dott. John Miles e del Dott. Vladimir Murashov per il loro esame ed osservazioni su questo articolo.


Riferimenti

ACTU (2009). Scheda. Nanotecnologia - perché i sindacati sono interessati. Consiglio Australiano dei Sindacati. http://www.actu.org.au/Images/Dynamic/attachments/6494/actu_factsheet_ohs_-nanotech_090409.pdf
BSI (2007). Nanotecnologie - Parte 2: Una guida alla manipolazione della cassaforte ed alla disposizione delle nanoparticelle fabbricate. PALLADIO 6699-2 DEL BSI: 2007. ISBN 978-0-580-60832-2.
DIISR (2009). Scheda - Nanotecnologie nel posto di lavoro. Governo Australiano, Dipartimento di Innovazione, Industria, Scienza & Ricerca. http://www.innovation.gov.au/Industry/Nanotechnology/Documents/Nanotechnology_OHS_Fact_Sheet.pdf
DIISR (2010). Atteggiamenti Australiani tenuti circa nanotecnologia - Tendenze 2005 - 2009 della comunità. Il Rapporto dall'Atteggiamento del Mercato Assiste PTY Srl, per il Dipartimento di Innovazione, dell'Industria, della Scienza e della Ricerca. http://www.innovation.gov.au/Industry/Nanotechnology/Documents/Nanotechnology_Public_Attitudes_2009.pdf
Ha Dissipato la R (2009). Nanomaterials Costruiti: Una rassegna della tossicologia e dei rischi per la salute. Rapporto PTY Srl di Toxikos per Lavoro Sicuro Australia.
FOEA (2010). Amici dell'invio dell'Australia della Terra a consultazione regolatrice di NICNAS sulla Proposta di Riforma Regolatrice dei Nanomaterials Industriali. http://nano.foe.org.au/sites/default/files/FoEA%20submission%20to%20NICNAS%20regulatory%20consultation%20Feb%202010.pdf
ORGANO PERMANENTE PER LA SALUTE E SICUREZZA (2010). Beni di esplosione e dell'Incendio dei nanopowders. Rapporto dal Laboratorio Britannico di Sanità E Sicurezza Per il Comitato Per La Protezione Sanitaria. RR782. http://www.hse.gov.uk/research/rrpdf/rr782.pdf
ISO (2008). Pratiche di sicurezza & di Salubrità nelle impostazioni professionali relative alle nanotecnologie, 12885:2008 di ISO/TR.
ISO (2008a). Nanotecnologie - Terminologia, 27687:2008 di ISO/TS
Jackson N, Lopata A, Olmi T e Wright P (2009). Nanomaterials Costruiti: Prova sull'Efficacia dei Comandi del Posto Di Lavoro Per Impedire Esposizione. Rapporto dalla RMIT University per Lavoro Sicuro Australia.
Methner M., Hodson L e Geraci C (2010). “Tecnica di Valutazione dell'Emissione di Nanoparticella (NEAT) per l'Identificazione e la Misura di Esposizione di Inalazione Potenziale ai Nanomaterials Costruiti - Parte A„. Giornale dell'Igiene Professionale ed Ambientale, 7: 3, 127 - 132.
NICNAS (2009). Proposta di riforma regolatrice dei nanomaterials industriali. Notifica dei Prodotti Chimici e Schema Industriali Nazionali di Valutazione. http://www.nicnas.gov.au/Current_Issues/Nanotechnology/Consultation%20Papers/NICNAS_Nano_PUBLIC_DISCUSSION_PAPER_PDF.pdf
NIOSH (2005). Bollettino di Intelligenza Corrente: Valutazione del Rischio Per La Salute e delle Raccomandazioni Per Esposizione Professionale a Biossido di Titanio http://www.cdc.gov/niosh/review/public/TiO2/pdfs/TIO2Draft.pdf
NIOSH (2009). Bollettino 60 di Intelligenza Corrente: Orientamento Provvisorio per Selezione e Sorveglianza Mediche di Rischio per i Lavoratori Potenzialmente Esposti alle Nanoparticelle Costruite. No. 2009-116 della Pubblicazione di DHHS (NIOSH).
NOHSC (1994). Regolamenti Di Modello Nazionali per il Controllo delle Sostanze Pericolose del Posto Di Lavoro [NOHSC: 1005(1994)]
NOHSC (1995). Linee guida per Controllo Sanitario [NOHSC: 7039(1995)]
NOHSC (2001). Standard Nazionale per l'Archiviazione e la Manipolazione delle Merci Pericolose [NOHSC: 1015(2001)]
OCSE (2009). Valutazione dell'Emissione per Identificazione delle Sorgenti e la Versione dei Nanomaterials Fabbricati Dispersi Nell'aria nel Posto Di Lavoro: Compilazione di Orientamento Attuale, Gruppo Di Lavoro dell'OCSE per i Nanomaterials Fabbricati (WPMN). No. 11 - ENV/JM/MONO (2009) 16
http://www.oecd.org/document/53/0,3343,en_2649_37015404_37760309_1_1_1_1,00.html
OCSE (2010). Pubblicazioni in Serie sulla Sicurezza dei Nanomaterials Fabbricati. Gruppo Di Lavoro dell'OCSE per i Nanomaterials Fabbricati (WPMN). http://www.oecd.org/document/53/0,3343,en_2649_37015404_37760309_1_1_1_1,00.html
Paik SY, Zalk DM e Swuste P (2008). Applicazione di uno Strumento Pilota della Fascia di Controllo per la Valutazione del Livello di Rischio e Controllo delle Esposizioni di Nanoparticella. Annuncio Occup. Hyg., 52(6): 419-428.
La Polonia CA, Duffin R, Kinloch I, Maynard A, Wallace WAH, Seaton A, V Di Pietra, S Marrone, MacNee W. e Donaldson K (2008). I nanotubes del Carbonio introdotti nell'intercapedine addominale dei mouse mostrano la patogenicità del tipo di amianto in uno studio pilota. Nanotecnologia della Natura. 3: 423-428.
Lavoro Sicuro Australia (2009). Revisioni Proposte alla struttura regolatrice dei prodotti chimici del posto di lavoro. http://www.safeworkaustralia.gov.au/swa/HealthSafety/HazardousSubstances/Proposed+Revisions.htm
Lavoro Sicuro Australia (2010). Sistema di Informazione Pericoloso delle Sostanze (HSIS). http://hsis.ascc.gov.au/SearchES.aspx
Lavoro Sicuro Australia (2010a). Programma di Nanotecnologia OHS. http://www.safeworkaustralia.gov.au/swa/HealthSafety/EmergingIssues/Nanotechnology/
PA di Schulte, CL della Trota D, di Zumwalde RD, di Kuempel E, di Geraci, KA di Castranova V, di Mundt DJ, di Mundt & Halperin NOI (2008). Opzioni per Controllo Sanitario di Salute sul lavoro dei Lavoratori Potenzialmente Esposti alle Nanoparticelle Costruite: Stato della Scienza. Giornale di Medicina Del Lavoro & Ambientale 50(5): 517-526.
Zalk DM, Paik SY e Swuste P (2009). Valutazione del Controllo che Lega Nanotool: un metodo qualitativo di valutazione del rischio per gestire le esposizioni di nanoparticella. Giornale di Ricerca di Nanoparticella, 11(7), 1685-1704.

Copyright AZoNano.com, Dott. Howard Morris (Lavoro Sicuro Australia)

Date Added: Aug 11, 2010 | Updated: Jun 11, 2013

Last Update: 14. June 2013 04:16

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this article?

Leave your feedback
Submit