Posted in | Bionanotechnology

Zetasizer Nano Prova Inestimabile per le Indagini Liposomiche sulle Proteine Virali

Published on March 9, 2011 at 12:34 AM

Il lavoro di Dott. Sindra Peterson Årsköld, Professore Associato ed i suoi colleghi al gruppo di canali del protone dell'Università di Lund (Svezia), ai fuochi sulle indagini liposomiche sulle proteine virali ed agli agenti antivirali. I liposomi sono usati come modelli artificiali del virion, permettendo all'esame accurato sistematico agli degli obiettivi diretti a membrana chiave della droga.

Dott. Peterson Årsköld crede il quel, perché la sua ricerca dipende da accurato, che controllo di qualità sistematico del campione in una vasta gamma di campione condiziona, non sarebbe fattibile senza le capacità rapide, affidabili, risorsa-efficienti di misura del sistema Nano di caratterizzazione della particella di Zetasizer dagli Strumenti di Malvern.

Il Dott. Peterson Årsköld spiega perché il costo della caratterizzazione del campione è così critico al suo lavoro come scienziato della proteina; “Ha Creato sonicando i fosfolipidi in acqua, i liposomi prodotti sono usati per ottenere i dati biofisici altamente dettagliati e quantitativi. È quindi di massima importanza che ogni batch tiene la stessa alta qualità, in termini di distribuzione per ampiezza e unilamellarity stretti e che la loro morfologia è riproducibile e coerente. Il Video dei questi parametri è egualmente chiave nel mettere a punto il metodo di produzione del liposoma e nell'ottimizzazione per i sistemi nuovi della proteina. Per esempio, alcune circostanze provocheranno i liposomi multilamellari, che hanno molti livelli come una cipolla. Ciò significa che ogni volta che produciamo un nuovo campione dobbiamo effettuare un assegno di qualità per assicurarci che il trattamento sia coerente.„

“Mentre la microscopia elettronica (EM) ci fornisce i dati più dettagliati, cattura una giornata per ottenere le immagini. Quindi sarebbe costosa usare il EM per la prova sistematica del campione. Lo scattering leggero Dinamico (DLS) con lo Zetasizer Nano è sia non distruttivo che veloce. Ci permette di camminare su allo strumento e provare in pochi minuti i nostri campioni,„ ha detto il Dott. Peterson Årsköld. “Infatti, è così sistema utile e di facile impiego che i chimici della proteina nel mio dipartimento lo hanno usato ogni giorno da quando lo ho comprato e non vorrei vivere senza ora che lo hanno!„

La Parte del Dipartimento dell'Università di Lund della Biochimica e della Biologia Strutturale, il Dott. Peterson Årsköld ed il gruppo di canali del protone stanno studiando il comportamento della proteina di M2, un piccolo, proteina del transmembrane (TM) della unico portata dal virus di influenza A. Un documento co-creato dal Dott. Peterson Årsköld e pubblicato nell'emissione di Luglio degli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS), scopre il trattamento misterioso che permette ai protoni multipli di invadere il virus di influenza A, avviante l'infezione della cellula ospite, senza sviluppare un grande potenziale elettrico. I Risultati dimostrano la pH-dipendenza notevolmente complessa e dal punto di vista funzionale sintonizzata della proteina di M2, fornente una migliore probabilità di sviluppare le riuscite droghe antivirali. Per ulteriori informazioni sui lavori del gruppo di canali del protone e sull'altra ricerca della proteina e molecolare durante la visita dell'Università di Lund: http://www.cmps.lu.se/

Last Update: 12. January 2012 18:12

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit