Site Sponsors
  • Park Systems - Manufacturer of a complete range of AFM solutions
  • Oxford Instruments Nanoanalysis - X-Max Large Area Analytical EDS SDD
  • Strem Chemicals - Nanomaterials for R&D
Posted in | Nanotoxicology

There is 1 related live offer.

Save 25% on magneTherm

Le Nanoparticelle dell'Ossido di Zinco Utilizzate in Protezioni Solari Possono Danneggiare Le Cellule Umane

Published on May 9, 2012 at 2:10 AM

Dalla Volontà Soutter

Secondo gli studi sulla tossicità delle cellule condotti dal Professor Yinfa Ma ed il dottorando Qingbo Yang dall'Università del Missouri di Scienza e Tecnologia, le nanoparticelle dell'ossido di zinco, un ingrediente comune utilizzato in protezioni solari, possono aumentare il rischio di cancro di interfaccia.

Dagli studi, il gruppo di ricerca ha trovato che le nanoparticelle dell'ossido di zinco possono generare i radicali liberi subendo una reazione chimica durante la loro esposizione a luce solare. Questi radicali liberi tengono il potenziale di danneggiare le cellule umane ed il loro DNAs, così aumentando il rischio di cancro di interfaccia. Il gruppo egualmente ha scoperto che l'esposizione più lunga dell'ossido di zinco a luce solare può distruggere più cellule umane.

Durante lo studio, il gruppo di ricerca ha sospeso le celle umane del polmone in una soluzione di nanoparticella dell'ossido di zinco e le ha esposte ai vari generi di indicatore luminoso sopra i calendari differenti. Il gruppo poi ha paragonato i risultati alle celle che non sono state sommerse nella soluzione dell'ossido di zinco. Che Cosa il gruppo scoperto era le celle immerse nella soluzione dell'ossido di zinco hanno distrutto più rapidamente di quelle sommersa nella soluzione.

Le celle del Polmone hanno sommerso nella soluzione dell'ossido di zinco deteriorata persino durante la loro esposizione ad indicatore luminoso visibile. La Loro tariffa di deterioramento era molto più alta durante la loro esposizione ad indicatore luminoso a onde lunghe ultravioletto. Il MA ha sospettato che una volta esposte alle razze ultraviolette, le nanoparticelle dell'ossido di zinco assorbono le razze e rilasciano gli elettroni dovuto una reazione chimica. Questi elettroni possono generare i radicali liberi instabili, che si comportano come parassiti quando hanno saldato con altre molecole, così danneggianti quelle molecole.

Lo studio sulla tossicità delle cellule del MA delle nanoparticelle dell'ossido di zinco è nelle sue fasi iniziali. La Più ricerca ancora è necessaria per trarre la conclusione circa la tossicità delle nanoparticelle dell'ossido di zinco in protezioni solari. Per esempio, il MA pianificazione confermare se i radicali liberi sono generati dalle nanoparticelle dell'ossido di zinco facendo uso delle prove di risonanza della rotazione di elettrone. Inoltre, gli studi clinici saranno richiesti di convalidare i suoi risultati di studio.

Sorgente: http://www.mst.edu/

Last Update: 9. May 2012 02:41

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit