Site Sponsors
  • Park Systems - Manufacturer of a complete range of AFM solutions
  • Oxford Instruments Nanoanalysis - X-Max Large Area Analytical EDS SDD
  • Strem Chemicals - Nanomaterials for R&D
Posted in | Graphene

Interazioni dell'Elettrone di Studio dei Ricercatori di Berkeley in Graphene

Published on August 3, 2012 at 5:08 AM

Dalla Volontà Soutter

I Ricercatori al Dipartimento Per L'Energia di Stati Uniti E l'Università di California, Berkeley stanno realizzando l'estesa ricerca su graphene, le lamiere sottili spesse di un atomo di carbonio puro attraverso cui gli elettroni possono muoversi alla velocità della luce intorno 100 volte più rapidamente di essi si muovono in silicio.

Ciò zumma le manifestazioni una del topograph di STM dei trimeri del cobalto collocati su graphene per la creazione dei potenziali di Coulomb - impurità fatte pagare - a quali elettroni e fori potrebbero rispondere. (Cortesia di Immagine del gruppo di Crommie)

Uno scienziato, Michael Crommie che ha nomine unite con Divisione di dipartimento di Fisica di Uc Berkeley' e di Scienza dei Materiali del Laboratorio di Berkeley era il ricercatore del cavo in uno studio in cui le osservazioni dirette iniziali delle lunghezze microscopiche sono state registrate di come i fori e gli elettroni rispondono ad un'impurità fatta pagare, che è una singola tassa di Coulomb sistemata su un'unità gated del graphene. I risultati supportano la teoria che le interazioni dell'elettrone sono significative ai beni eccezionali di graphene.

Crommie ha specificato che questa ricerca ha indicato che gli elettroni nel graphene si comportano sconosciuto intorno alle impurità fatte pagare che altri elettroni materiali. La ricerca ha registrato le immagini di primo tempo mai che gli elettroni ultra-relativistici si allineano nuovamente quando rispondono ad un Coulomb potenziale provando che le interazioni fra gli elettroni sono altamente significative.

Questo studio è stato descritto nella Fisica della Natura del giornale con l'articolo nominato “Mappando i quasiparticles di Dirac vicino ad una singola impurità di Coulomb su graphene„

Crommie ha aggiunto che nel graphene, gli elettroni fungono da fermioni di Dirac senza alcun Massachusetts. Come questi elettroni rispondono ad un potenziale di Coulomb è considerevolmente differente da come gli elettroni non relativistici si comportano nell'impurità convenzionale e nei sistemi atomici. Tuttavia, una serie di previsioni teoriche importanti non sono state provate ancora.

I ricercatori lavorati con il microscopio specialmente fornito di traforo di scansione in vuoto estremamente alto ed unità gated studiate che comprendono un livello del graphene depositato sopra i fiocchi del nitruro di boro che sono stati sistemati su un substrato del diossido di silicio.

In questa ricerca, i trimeri del cobalto costruiti su graphene manipolando i monomeri del cobalto con un suggerimento di STM sono stati usati come le impurità fatte pagare.

STM utilizzato per progettare i trimeri del cobalto è stato usato per la mappatura della risposta del quasiparticle di Dirac sia del tipo di foro che del tipo di elettrone al potenziale di coulomb costituito dai trimeri. Il Confronto tra l'asimmetria osservata del elettrone-foro e le simulazioni teoriche ha permesso al gruppo di ricerca di verificare non appena i presupposti teorici di come le fermioni di Dirac si comportano vicino ad un potenziale di Coulomb, ma anche per l'estrazione della costante dielettrica di graphene.

L'Ufficio della Ricerca Navale, l'Ufficio della DAINA di Scienza ed il National Science Foundation hanno supportato la ricerca.

Sorgente: http://www.lbl.gov/

Last Update: 3. August 2012 06:00

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit