Posted in | Lab on a Chip | Nanofluidics

Lo Studio Evidenzia il Significato degli Standard di Prova Per Facilitare il Laboratorio su una Commercializzazione del Chip

Published on August 9, 2012 at 5:41 AM

Dalla Volontà Soutter

In un articolo, Samuel Stavis autore dal National Institute of Standards and Technology (NIST) ha descritto la necessità per lo sviluppo e l'implementazione degli standard di prova priori alla commercializzazione completa del laboratorio su una tecnologia del chip.

Un laboratorio microfluidic su un'unità del chip che si siede su un piatto del polistirolo. I aghi di stampa dell'acciaio inossidabile inseriti nell'unità serviscono da punti di accesso per i liquidi nei piccoli canali all'interno dell'unità, che sono circa la dimensione dei capelli umani. (credito: Cooksey/NIST)

Stavis ha specificato che uno standard di prova descrive le misure utilizzate per identificare se un laboratorio su un'unità del chip ed i materiali utilizzati per il suo montaggio rispondono ai criteri. La prova e le tecniche di misura Standardizzate permetteranno che il laboratorio di MEMS sui produttori di chip identifichi precisamente un laboratorio sulle caratteristiche fisiche chiave di un'unità del chip come le dimensioni, le temperature, le portate fluide ed i beni di superficie elettrici.

A questo fine, Stavis si concentra su autofluorescence, che è l'illuminazione fluorescente di sfondo di un laboratorio su un'unità del chip che può pregiudicare l'analisi del campione. Parecchi fattori, che comprendono i materiali hanno utilizzato nell'unità, nelle tecniche di misura utilizzate per collaudare l'unità e nella procedura dell'interpretazione sulle misure, devono essere considerati per sviluppare uno standard di prova per autofluorescence. Tutti questi fattori devono escludersi correttamente da, o essere gestiti con attenzione per una misura significativa di autofluorescence.

Stavis ha specificato che le prove differenti di autofluorescence possono essere richieste nelle varie fasi di produzione del laboratorio sulle unità di un chip per assicurare il controllo di qualità. Può essere essenziale per misurare esattamente il autofluorescence in ogni fase di produzione per il montaggio del laboratorio sulle unità di un chip con autofluorescence basso.

Stavis egualmente ha evidenziato il significato di comprensione della differenza fra gli standard di prova e gli standard del prodotto e come le precedenti guide il successivamente. Uno standard del prodotto descrive le caratteristiche tecniche richieste per un laboratorio su un'unità del chip per essere certificato come qualità superiore, mentre uno standard di prova è richiesto per effettuare una misura di quelle specifiche e ragionevolmente per confrontare fra i prodotti non Xerox.

Sorgente: http://www.nist.gov

Last Update: 9. August 2012 06:29

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit