Posted in | Nanomaterials | Graphene

La Nuova Tecnica Apre la Strada Ad Ottimizzare Graphene per le Applicazioni di Spintronic

Published on August 13, 2012 at 5:33 AM

Da G.P. Thomas

Ramesh Mani, un professore associato di fisica alla Georgia State University (GSU) e Walter de Heer, il Professor dei Reggenti di fisica al Georgia Institute Of Technology (Tecnologia di Georgia), hanno sviluppato una nuova tecnica per studiare le caratteristiche della rotazione degli elettroni nel graphene.

I risultati di studio sono stati riferiti nelle Comunicazioni della Natura. Gli Elettroni dimostrano due beni chiave, vale a dire tassa e la rotazione. La Maggior Parte dei apparecchi elettronici sono basati sulla carica elettrica. In questo studio, i ricercatori misurati filano, che è la particella elementare di nuove unità di spintronics e tiene il potenziale per le tecnologie come computazione di quantum.

Graphene è creduto per essere un elemento essenziale per le unità spintronic; tuttavia, l'estesa ricerca è richiesta di capire la capacità del materiale. Questo studio da GSU e da Tecnologia della Georgia è un progresso significativo verso questa ricerca.

Mani ha spiegato che con il gruppo ha provato ad individuare la risonanza della rotazione facendo uso della resistenza elettrica. Quando l'unità è illuminata dalle microonde, l'energia discissione è uguagliata dall'energia di microonda. La resistenza dell'unità è alterata quando l'energia di microonda è assorbita dall'unità. Tuttavia, è difficile da vedere questo molto leggero effetto.

Fortunatamente, l'uso di graphene ha permesso ai ricercatori di testimoniare l'effetto. La misura elettrica di risonanza della rotazione è particolarmente utile per le unità del nanoscale. Questa misura permette che i ricercatori direttamente misurino le caratteristiche quali l'energia di scissione della rotazione ed il tempo di rilassamento della rotazione.

Questo avanzamento nella misurazione dei beni della rotazione degli elettroni nel graphene apre la strada migliorare il nanomaterial per le applicazioni spintronic. Mani informata che gli esperimenti effettuati a GSU erano laboriosi, mentre la produzione di graphene eseguita al laboratorio di de Heer era che richiede tempo ed ha richiesto una vasta esperienza. I ricercatori usati hanno avanzato la strumentazione per le misure, che hanno compreso l'immersione dei campioni in elio liquido alla temperatura zero assoluta vicina.

Sorgente: http://www.gsu.edu/

Last Update: 12. December 2013 16:48

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit