Posted in | Fullerenes

Le Molecole Ingabbiate nel ` Quantum di C60 Buckminsterfullerenes Crepitano'

Published on August 21, 2012 at 9:28 AM

Dalla Volontà Soutter

Gli Scienziati hanno rivelato come le più piccole molecole possono essere incarcerate all'interno di una molecola del carbonio. Ciò permette lo studio su comportamento ondulato che è considerato come i beni fondamentali della materia.

Una molecola di acqua incarcerata dentro il endofullerene “gabbia„

La palla bucky, che è un C60 Buckminsterfullerene sferico vuoto, ha un'intercapedine graduata nanometri. Ciò può essere considerata come ` nanolaboratory.' I ricercatori molecole incarcerate di H2O e di H2 in questo nanolaboratory dove quantum del ` hanno crepitato' in queste gabbie. Ciò permette allo studio sui principi meccanici di quantum della molecola.

Quando le molecole di acqua sono dentro queste palle bucky, una molecola dell'ospite che ha un momento di dipolo elettrico esiste. Questo studio può essere utile nel campo di elettronica molecolare.

Il C60 Buckminsterfullerene era stato scoperto dai Professor Harry Kroto, Richard Smalley e Ricciolo di Robert, che utile loro il Premio Nobel in Chimica. ` Definito palla bucky', è una struttura del tipo di gabbia sferica che somiglia ad un pallone da calcio che consiste di 12 pentagoni e di 20 esagoni.

Recentemente, gli scienziati nel Giappone hanno usato una tecnica molecolare della chirurgia per aprire la gabbia di C60 Buckminsterfullerene ed hanno inserito un'acqua o una molecola H2 ad alta pressione ed alla temperatura. Il sistema è stato raffreddato e poi ha riparato per riprodurre un C60 Buckminsterfullerene.

I Ricercatori All'Università di Nottingham hanno usato la tecnica anelastica di diffusione di neutroni, che ha compreso per mezzo di un raggio dei neutroni, per lo studio dei movimenti di crepitio della gabbia delle molecole dell'ospite. Lo studio ha fornito informazioni sul moto rotazionale ed orbitale delle molecole di H2O e di H2 all'interno del buckyball.

All'Università di Southampton, i ricercatori hanno usato a risonanza magnetica nucleare per lo studio delle molecole ingabbiate. Queste molecole hanno seguito le leggi di meccanica quantistica ed hanno dimostrato una natura ondulata. Questo materiale può possibilmente essere usato per le applicazioni quali i tipi novelli di memorie e per l'aumento della luminosità delle immagini di scansione di MRI.

Gli Scienziati dagli Stati Uniti, dal Regno Unito, dalla Francia, dall'Estonia e dal Giappone hanno partecipato alla ricerca, che è stata pubblicata negli Atti del giornale dell'Accademia Nazionale delle Scienze.

Sorgente: http://www.nottingham.ac.uk

Last Update: 21. August 2012 10:47

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit