Site Sponsors
  • Oxford Instruments Nanoanalysis - X-Max Large Area Analytical EDS SDD
  • Strem Chemicals - Nanomaterials for R&D
  • Park Systems - Manufacturer of a complete range of AFM solutions
Posted in | Nanomedicine | Microscopy

There is 1 related live offer.

Save 25% on magneTherm

Le Nanoparticelle dell'Oro Migliorano la Leggibilità delle Impronte Digitali

Published on November 7, 2012 at 3:22 AM

L'Identificazione delle impronte digitali su documento è un metodo comunemente usato nel lavoro legale della polizia, ma purtroppo non è facile da fare quelle impronte digitali visibili. Ora, gli scienziati all'Università Ebraica di Gerusalemme hanno sviluppato un nuovo approccio per rendere tali impronte digitali più prontamente leggibili.

L'Esempio dell'immagine negativa dell'impronta digitale indicata nel nuovo metodo di rappresentazione si è sviluppato dai ricercatori all'Università Ebraica di Gerusalemme.

Il nuovo metodo, creato da un gruppo si è diretto da Prof. Yossi Almog e Prof. Daniel Mandler dell'Istituto di Chimica all'Università Ebraica, usa un trattamento chimico innovatore per produrre una quantità negativa dell'immagine dell'impronta digitale piuttosto che l'immagine positiva prodotta nell'ambito dei metodi correnti. A Differenza degli ultimi, l'Ebreo trattamento Università-In Via Di Sviluppo è quasi indipendente dalla composizione del residuo del sudore lasciato sul documento.

Il nuovo metodo è descritto nella questione attuale dell'edizione internazionale e Della Lingua Inglese del giornale Angewandte Chemie, pubblicata dalla Società Chimica Tedesca.

In molte indagini penali, la prova di carta svolge un ruolo importante ed è utile conoscere chi ha trattato tali documenti come gli assegni, la valuta di carta, le note, gli Studi Ecc. hanno indicato che di meno che la metà delle impronte digitali sugli elementi di carta può essere reso sufficiente visibile per permettere alla loro identificazione. Il motivo principale per questo sembra essere la composizione altamente variabile del sudore lasciato sul documento.

La nuova procedura elaborata all'Università Ebraica evita questi problemi. Comprende un'inversione di un metodo stabilito in cui le nanoparticelle dell'oro in primo luogo sono depositate sulle impronte digitali invisibili, seguite da argento elementare, simile allo sviluppo di una fotografia in bianco e nero.

Nella tecnica convenzionale, le particelle dell'oro rimangono incastrate alle componenti dell'amminoacido del sudore nelle impronte digitali e poi argentano è depositata sull'oro. Il risultato è abbastanza spesso impressioni di basso contrasto delle impronte digitali. Nel nuovo metodo, le nanoparticelle dell'oro attaccano direttamente alla superficie di carta, ma non al sudore. Questa tecnica utiliizes il sebo dalle impronte digitali come media per evitare questa interferenza. (Sebo è una sostanza oleosa secernuta dalle ghiandole sebacee che le guide impediscono i capelli e l'interfaccia asciugarsi.) Il Trattamento con un rivelatore che contiene l'argento poi gira le aree con oro su loro nere, con conseguente chiara, immagine negativa dell'impronta digitale.

“Poiché il nostro metodo conta soltanto sulle componenti grasse nelle impronte digitali, il gioco sudato di aspetti nessun ruolo nel trattamento di rappresentazione,„ ha detto Prof. Almog. Questa tecnica egualmente promette di attenuare un altro problema, ha detto. “Se il documento è diventato bagnato, precedentemente è stato difficile da individuare le impronte digitali perché gli amminoacidi nel sudore, che sono il substrato primario per le reazioni chimiche correnti di potenziamento, sono dissolti e lavati via dall'acqua, mentre le componenti grasse sono a mala pena commoventi.„ Quindi, l'evitare l'aspetto del sudore fornisce un potenziamento ulteriore per ricerca del laboratorio della polizia, lui ha osservato.

Sorgente: http://www.huji.ac.il/

Last Update: 7. November 2012 04:47

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit