Nuovo Banco Europeo di Nanotecnologia del DNA Per Migliorare Ricerca e sviluppo

Published on November 7, 2012 at 3:26 AM

L'uso dei fili del DNA come materiali da costruzione nani è sul modo di creare le nuove opportunità rivoluzionarie nello sviluppo di medicina, dell'ottica e dell'elettronica.

Partner di EScoDNA

L'idea di usando i fili artificiali del DNA come kit minuscoli dell'auto-assembly originalmente è stata sviluppata dagli scienziati Americani negli anni 90 e lo sviluppo continuato ha nei gran parte avuti luogo in U.S.A.

Tuttavia, durante l'ultima decade i ricercatori Europei hanno contribuito significativamente al progresso di questo campo in piena evoluzione ed hanno sviluppato la forte competenza alle università Europee per potere installare una scuola post-laurea unita in questo subordinato, migliorando ricerca e sviluppo Europei in nanotecnologia del DNA. Il banco pricipalmente riguarderà la ricerca fondamentale, ma egualmente è installato per promuovere le innovazioni e lo sviluppo delle applicazioni commerciali.

EScoDNA

La nuova scuola post-laurea è chiamata il Banco Europeo di Nanotecnologia del DNA (EScoDNA) ed ha ricevuto approssimativamente ad EUR 4 milioni poichè una Rete di Addestramento Iniziale (ITN) nel quadro del programma di amicizia di ricerca attiva Di Marie Curie della Commissione Europea. EScoDNA promuoverà lo sviluppo di una nuova generazione di scienziati con le abilità richieste per incontrare le sfide di futures in bionanotechnology, da scienza fondamentale alle applicazioni novelle.

“Abbiamo un raggruppamento del talento eccellente al livello dello studente non laureato: se forniamo le circostanze eccellenti per studiare la nanotecnologia che del DNA potremo istruire un raggruppamento di PhDs Europeo altamente competente ed accederemo ad alcuni di migliori giovani ricercatori nel mondo,„ dice il Professor Gothelf all'Università di Aarhus, Danimarca, che è il coordinatore del programma di EScoDNA.

Parlando alla scarsità attuale dei ricercatori con esperienza in materia, EScoDNA egualmente promuoverà le fondamenta di nuovi start-up di bionanotechnology ed i forti collegamenti fra i partner ed i laboratori di ricerca industriali all'interno di questa rete di addestramento contribuiranno a stabilire il campo aumentante di nanotecnologia del DNA come servizio per le industrie in relazione con la biotecnologia.

Inizialmente quattordici nuovi studenti di PhD e due colleghi postdottorali uniranno la rete nel 2013. I nuovi ricercatori nani del DNA si distribuiranno fra le università partecipanti come segue:

  • Università di Aarhus (Danimarca) (3)
  • Università di Ludwig Maximilian di Monaco Di Baviera (Germania) (2)
  • Università di Monaco Di Baviera Tecnica (Germania) (2)
  • Istituto di Karolinska (Svezia) (2)
  • Università di Oxford (REGNO UNITO) (3)

Egualmente stanno partecipando al programma le aziende private Vipergen i ApS (Danimarca) e il baseclick Gmbh (la Germania), di cui ciascuno saranno assegnati uno studente di PhD ed un collega postdottorale. Microsoft Research Cambridge (REGNO UNITO) sta contribuendo al programma con l'insegnamento ed il controllo.

Interdisciplinare

Poiché la nanotecnologia del DNA è in larga misura una disciplina interdisciplinare, il nuovo banco pensa trovare i candidati fra i chimici, i biologi molecolari, i fisici e possibilmente gli informatici. Ogni organismo partecipante nella rete recluterà gli studenti dall'estero ed ogni studente passerà un periodo di più di sei mesi alle altre istituzioni nella rete. Il banco egualmente riunirà gli studenti due volte all'anno per assistere ai workshop per istruirli e per coordinare i progetti di ricerca uniti.

Fornendo l'insegnamento di qualità, EScoDNA vorrebbe amplificare le opzioni di carriera per i giovani ricercatori sia nel pubblico che nei settori privati come pure rinforzare la competitività Europea in materia. I soci commerciali egualmente contribuiranno così con l'insegnamento nello sfruttamento commerciale di nuova tecnologia, della gestione e dell'imprenditorialità.

“Prevediamo gli sforzi di giovani ricercatori in EScoDNA per generare una serie di risultati dirottura che saranno significativi per sia il mondo accademico che il settore aziendale,„ diciamo il Professor Gothelf.

Fatti

La nanotecnologia del DNA è basata sulla capacità delle sequenze del DNA di legare alle loro controparti complementari. Cioè i fili del DNA possono trovare i loro siti designati del partner, temprano l'un l'altro e reticoli artificiali specifici di questa accumulazione di modo. Possono essere programmati per montarsi nelle forme tridimensionali precisamente definite che possono avere componenti ampiamente varianti fissate, quali le proteine, le molecole organiche, i nanotubes del carbonio o altre nanoparticelle.

Sorgente: http://www.au.dk/

Last Update: 7. November 2012 04:47

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit