Posted in | Lab on a Chip | Nanofluidics

Il Nuovo Chip di Microfluidic Permette all'Analisi Rapida di Ultra-Piccolo Campione per Rilevazione del RNA

Published on November 8, 2012 at 3:25 AM

Un nuovo chip microfluidic senza potenza sviluppato dai ricercatori all'Istituto di Scienza Avanzato RIKEN (ASI) permette alla rilevazione di microRNA dal volume di campione estremamente piccolo in soltanto 20 minuti. Drasticamente diminuendo il periodo e la quantità di campione richiesti per rilevazione, il chip stende il fondamento per la diagnosi di punto-de-cura della fase iniziale delle malattie quali cancro ed Alzheimer.

Nuovo microchip senza potenza di rilevazione del RNA. Sinistra: Microchip Da Costruzione. Destra: Progettazione del Microchannel.

MicroRNAs (miRNAs) è piccolo, molecole del RNA di non codifica che regolamentano l'espressione genica in una vasta gamma di trattamenti biologici compreso lo sviluppo, la proliferazione delle cellule, la differenziazione e la morte delle cellule (apoptosis). La Concentrazione di determinato miRNA in liquidi organici aumenta con la progressione delle malattie quali cancro ed Alzheimer, generante la speranza che questo breve RNA può tenere il tasto più velocemente, diagnosi più accurata. Le tecniche Attualmente disponibili per rilevazione sensibile del miRNA, tuttavia, richiedono i giorni per raggiungere una diagnosi e per comprendere la strumentazione di gestione soltanto dal personale formato, rendente li poco pratici per uso in molte situazioni.

Il gruppo di ricerca ha precisato per superare questi ostacoli sviluppando un'unità che permette alla diagnosi veloce e di facile impiego (POC) di punto-de-cura soltanto da un campione molto piccolo. Nella ricerca più iniziale, il gruppo ha sviluppato un'unità sotto forma di microchip che usa il polydimethylsiloxane (PDMS), un composto di silicone conosciuto per i sui beni di assorbimento dell'aria, per tirare i reagenti in una sonda di bloccaggio per l'analisi. Questa tecnica di pompaggio ha semplificato la progettazione eliminando l'esigenza delle alimentazioni esterne, ma l'unità ha richiesto una quantità di campione troppo grande per le applicazioni pratiche.

La nuova unità egualmente usa PDMS come pompa di aria, ma drasticamente migliora la sensibilità del metodo con un'amplificazione dentritica flusso-assistita laminare chiamata metodo di amplificazione del segnale (LFDA). In Primo Luogo, le Sequenze di DNA che saldano alle sequenze specifiche del miRNA sono fissate ad una superficie di vetro con il campione del miRNA da analizzare ed allora interposto nell'ambito di un livello di PDMS con i canali in (Figura 1). Svuotato di aria in un vuoto, il livello di PDMS induce un effetto della pompa che tira i reagenti di amplificazione, inserito alle entrate del canale, nei canali e nel contatto con il miRNA, creante le strutture dentritiche fluorescenza-contrassegnate che si sviluppano col passare del tempo e possono essere individuate rapidamente.

La sensibilità di questa tecnica drasticamente riduce la quantità del campione richiesta per la diagnosi a soltanto 0,25 attomoles (mole 10-18), un miglioramento del mille-popolare sopra il modello più in anticipo del gruppo. Insieme al suo periodo di individuazione di soltanto 20 minuti, questi beni fanno l'ideale auto-alimentato dell'unità per uso negli ambienti del risorsa-povero, promettente la diagnosi portatile di punto-de-cura per milioni in paesi in via di sviluppo ed intorno al mondo.

Sorgente: http://www.riken.jp

Last Update: 8. November 2012 04:44

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit