Posted in | Microscopy | Graphene

Il Metodo Universale ad Efficientemente Misura lo Spessore di Graphene Facendo Uso del Microscopio Ottico

Published on November 16, 2012 at 5:02 AM

I beni notevoli e le applicazioni successive di graphene sono stati ben documentati da quando in primo luogo è stato isolato nel 2004; tuttavia, i ricercatori ancora stanno provando a trovare un rapido, a buon mercato ed il modo efficace di misurazione del suo spessore.

Un gruppo di ricercatori dalla Cina sembra risolvere questo problema inventando un metodo universale facendo uso appena di un microscopio ottico standard.

In uno studio pubblicato oggi, il 16 novembre 2012, in Nanotecnologia Di Pubblicazione del giornale dello IOP, hanno indicato che lo spessore di graphene, con una miriade di altri materiali bidimensionali, può essere ottenuto misurando le componenti rosse, verdi e blu di indicatore luminoso mentre sono riflesse dalla superficie del materiale.

Lo studio indica che il contrasto dei valori rossi, verdi e blu fra il substrato su cui il campione è collocato ed il campione stesso aumenta con lo spessore del campione.

Il metodo è veloce, funzionato facilmente e non richiede strumentazione costosa.

I ricercatori, dall'Istituto di Tecnologia di Harbin a Weihai e l'Università Sudorientale, ritengono che questo sia un contributo significativo alla ricerca fondamentale e le applicazioni potenziali dei materiali, quale graphene, altrettanto dei loro beni notevoli sono fiduciose nello spessore del materiale stesso.

“Nel Passato, metodi per l'identificazione dello spessore dei materiali bidimensionali sono stati molto costoso ed hanno avuti una capacità di lavorazione lenta. La Nostra tecnica combina un microscopio comune con un bit semplice di software, rendentegli molto un veloce, a buon mercato e modo efficace della misurazione dello spessore,„ ha detto il co-author del Professor Zhenhua Ni di studio.

I ricercatori hanno verificato il loro metodo esaminando il graphene meccanicamente esfoliato, l'ossido del graphene, il graphene azoto-verniciato ed il bisolfuro del molybdenuym, che hanno attirato grande di interesse dovuto i loro beni elettrici, meccanici, termici ed ottici di intrigo.

Un microscopio ottico standard è stato utilizzato per ottenere le immagini ottiche dei campioni e un software chiamato Matlab è stato usato per leggere i valori rossi, verdi e blu ad ogni pixel dell'immagine ottica.

La spettroscopia di Raman e la microscopia atomica della forza sono state usate per confermare misure di spessore dei ricercatori'.

Sorgente: http://www.iop.org

Last Update: 16. November 2012 09:27

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit