Site Sponsors
  • Oxford Instruments Nanoanalysis - X-Max Large Area Analytical EDS SDD
  • Strem Chemicals - Nanomaterials for R&D
  • Park Systems - Manufacturer of a complete range of AFM solutions
Posted in | Nanomedicine

There is 1 related live offer.

Save 25% on magneTherm

I Ricercatori Impiegano le Nanoparticelle Per Migliorare l'Efficacia della Droga

Published on September 21, 2012 at 8:48 AM

Dalla Volontà Soutter

La consegna Mirata A della droga ha guadagnato la popolarità con lo sviluppo in nanotecnologia. I Ricercatori all'Università di Georgia (UGA) hanno migliorato il trattamento della consegna diretta della droga alle celle mirate a facendo uso delle nanoparticelle al livello seguente in cui le droghe sono consegnate ad un organello particolare nelle celle mirate a.

Shanta Dhar, destra, un assistente universitario di chimica nell'Istituto Universitario di UGA Franklin delle Arti e delle Scienze e studente di laurea Sean Marrache (credito John Paul Gallagher/Università di Georgia)

Lo studio è stato effettuato da Shanta Dhar, assistente universitario di chimica a UGA e lo studente di laurea Sean Marrache. I ricercatori hanno migliorato l'efficacia dei mitocondri che mirano alle terapie farmacologiche utilizzate nel trattamento del Morbo di Alzheimer, del cancro e dell'obesità.

I Mitocondri, anche conosciuti come la centrale elettrica del ` delle celle non è facilmente accessibili. I ricercatori di UGA hanno costruito le nanoparticelle da un polimero biodegradabile Approvato dalla FDA ed hanno incapsulato le droghe della prova loro. Le nanoparticelle sono sintetizzate in tal modo che consegnano la droga fino ai mitocondri nelle celle malate. Ci sono due membrane con uno spazio interstiziale intermedio che protegge i mitocondri. La membrana interna permette le molecole di un intervallo particolare della tassa da solo pervadano mentre la membrana esterna permette che le molecole di una dimensione particolare da solo passino da parte a parte. I ricercatori hanno sviluppato una libreria delle nanoparticelle che sono state provate per identificare l'intervallo di grandezza ottimale (64 a 80 nanometro) e la carica superficiale ottimale (34 millivolt) della nanoparticella che può penetrare le due membrane che circondano i mitocondri.

Per verificare l'efficacia del loro delivery system della droga, i ricercatori hanno incapsulato le droghe che corrispondono al trattamento di Alzheimer, di cancro e dell'obesità nelle nanoparticelle costruite ed hanno curato le rispettive celle malate coltivate con le nanoparticelle. È stato trovato che i trattamenti facendo uso delle nanoparticelle che mirano ai mitocondri sono più efficaci di quelli che impiegano le nanoparticelle per consegnare le droghe fuori della cella. Il nuovo metodo era molto più efficace rispetto al trattamento di malattia con le droghe senza le nanoparticelle.

Sorgente: http://www.uga.edu/

Last Update: 21. September 2012 09:56

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit