Nanotecnologia e Dermatologia - Il Ruolo di Nanotecnologia nella Ricerca in Dermatologia

da Dott. Adam Friedman

Dott. Adam Friedman, Direttore di Ricerca Dermatologica, Divisione di Dermatologia, Istituto Universitario di Albert Einstein di Medicina
Autore Corrispondente: ajf0424@yahoo.com

Introduzione

La consegna Cutanea della droga offre molti vantaggi sopra le vie di somministrazione alternative per quanto riguarda impatto specifico dell'obiettivo, la tossicità sistematica in diminuzione, l'evitare il primo metabolismo del passo, i programmi di dosaggio variabili e l'utilità estesa alle diverse popolazioni pazienti.

Un fattore di complicazione è che l'interfaccia ha evoluto i meccanismi per impedire le molecole esogene, particolarmente quelle idrofile, dal passaggio sicuro. Il livello corneo del corneum dello strato (la cima la maggior parte del livello dell'interfaccia) è saldato strettamente ad una matrice intercellulare del lipido che rende al passaggio di terapeutica una sfida seria1. Questa forte barriera ad attività molecolare è abbastanza efficace a bloccare le grandi droghe (la massa molecolare > 500 Da), che naturalmente compongono la maggior parte di terapeutica attiva2.

I molatori e i micro-aghi di stampa Meccanici possono aprire un numero limitato (≥ 10 nanometro)3 di pori relativamente ampi nella barriera di interfaccia, quella può tenere conto il passaggio transitorio di piccolo e perfino di grandi molecole (o persino dei batteri)3. La Rottura con l'ultrasuono (phonopheresis) o pulsare elettrico ad alta tensione (elettroporazione) è stata usata per forzare i più grandi materiali attraverso questa barriera complessa. I rinforzatori Chimici di infiltrazione egualmente sono utilizzati per perturbare la barriera epidermica, sebbene le preoccupazioni della sicurezza abbiano limitato la loro efficacia4-6.

Ancora, molte sostanze che potrebbero, nella teoria, essere usate poichè la terapeutica attuale presenta parecchi svantaggi in quanto sono:

1. debolmente o solubile in acqua;
2. degradato o inattivato prima del raggiungimento dell'obiettivo appropriato;
3. non specifico distribuito ai tessuti ed agli organi, con conseguente effetti secondari avversi eccessivi ed efficacia limitata al sito dell'obiettivo

Nanotecnologia e Vettori

I vettori Novelli generati con nanotecnologia sta sollevando la prospettiva emozionante per la consegna controllata e continua della droga attraverso la barriera di interfaccia impenetrabile. Particelle 500 nanometro e più piccola mostra una miriade di beni unici che sono superiori alle loro controparti del materiale alla rinfusa7-9. Di piccola dimensione è una funzionalità necessaria ma altri beni sono necessari affinchè i nanomaterials raggiungano l'efficacia come vettore attuale.

Queste nanoparticelle dovrebbero Ottimamente:

1. porti le droghe attraverso i pori cutanei nella barriera di interfaccia primaria;
2. rilasci spontaneamente la droga trasportata una volta che l'infiltrazione è raggiunta; e
3. le tariffe basse della mostra di rimozione cutanea della droga tenendo conto in profondità/hanno mirato al deposito ed hanno prolungato l'atto delle droghe portafilo-trasportate.

Ulteriormente, questi prodotti dovrebbero potere regolare alle variazioni fisiologiche pertinenti come componente della loro progettazione ed ottimizzazione.

Nanotecnologia che Si Trasforma in un Fuoco Importante nella Ricerca in Dermatologia

Dato i vantaggi terapeutici significativi potenziali quotati sopra, non è sorpresa che la nanotecnologia sta trasformandosi in in un fuoco importante di sviluppo di prodotto dermatologically orientato7, 10-14. Il sixth - il più grande titolare di brevetto di nanotecnologia negli Stati Uniti è una società dei cosmetici15,16. Infatti, le società cosmetiche sono sopra la curva riguardo ai loro sforzi di ricerca in nanotecnologia rispetto ai giganti di industria come Motorola e Kodak. Mentre la nano-fabbricazione può essere costosa e richiedere gli impianti specializzati, la fabbricazione in serie, i prezzi diminuenti e la crescita esponenziale sono costi previsti di controllo in futuro e che permettono che questa scienza sbocci. Alcuno stima da ora al 2012 la nanotecnologia del posto per essere i $2 le trilione industrie, impieganti due milioni negli Stati Uniti da solo7. Le Applicazioni sono in corso in medicina e dermatologia per l'individuazione tempestiva, la diagnosi e la terapia mirata a della malattia7,9,10,12,13,17-24.

Può essere preveduto con tutta la tecnologia nella sua infanzia, del potenziale e dell'eccitazione deve essere temperato con la realizzazione che ci sono ancora trabocchetti e preoccupazioni rimanenti per quanto riguarda la sicurezza23,25-35. L'interfaccia è il primo punto di contatto per la maggior parte dei nanomaterials ambientali, indipendentemente dal media in cui sono consegnati. I rischi di nanomaterials nel mondo della dermatologia sono quindi estesi, variando dalla dermatite da contatto irritante o allergica alle reazioni del corpo estraneo alla morte del tessuto27.

Teoricamente parlando, il potenziale tossico di tutto il materiale può essere preveduto per essere esponenzialmente proporzionale ad una diminuzione nella dimensione delle particelle. In Primo Luogo, più di piccola dimensione tiene conto l'infiltrazione più profonda dei prodotti chimici incapsulati e l'infiltrazione intracellulare migliorata e l'assorbimento sistematico. In Secondo Luogo, appena come maggior area ai nanomaterials di rapporto del volume confer con i vantaggi significativi sopra le loro controparti macromolecolari, così anche la fa drammaticamente aumentano la disponibilità dei gruppi di superficie per interazione con i tessuti e le celle. Se i gruppi di superficie sono chimicamente reattivi e sono capaci della generazione delle specie reattive dell'ossigeno, il potenziale per la reattività aumenta con la dimensione delle particelle diminuente28. Infine, la tossicità sia delle nanoparticelle insolubili che inerti in cellule di mammiferi può direttamente essere collegata con il loro assorbimento cellulare. Alcune celle, quali i keratinocytes, hanno l'abilità alle piccole molecole del phagocytose e quando il nanomaterial è interiorizzato, possono accumularsi nelle celle ed infine nel risultato nel danno del DNA e nella citotossicità attraverso la generazione di sforzo ossidativo36.

Di Conseguenza, è della massima importanza che la tossicologia delle nanotecnologie è delucidata giustamente ad entrambe protegge il pubblico dai materiali potenzialmente nocivi, ma anche acquietare i timori e la speculazione pubblici di media che può impedire questa tecnologia di promessa la coltivazione ed utilizzata.

Lo Stato Corrente di Nanotecnologia in Dermatologia

Molte aree di medicina, quali l'oncologia37 e la radiodiagnostica38 stanno comprendendo la nanotecnologia nel loro insegnamento, formazione e ricerca. La Dermatologia sta ritardando in questa area malgrado l'osservazione apparentemente paradossale che una proporzione significativa di novità in nanotecnologia è stata nella cura di interfaccia del consumatore. I dati Recenti da uno studio pilota (Friedman e Nasir, non pubblicati) hanno rivelato che c'è un forte accordo fra i dermatologi in tutta la nazione che l'insegnamento, la formazione e la ricerca di nanotecnologia sono sia sfaccettature necessarie che importanti della Dermatologia.

Ancora, i dichiaranti hanno indicato che c'è un'esigenza della svista e del regolamento migliori e più rigorosi di queste tecnologie, sebbene fosse poco chiaro l'uno o l'altro come questo potrebbe fare o come i dermatologi possono ottenere implicati. Infatti, fino ad oggi, ci non sono stati alcuni organizzazioni o gruppi della dermatologia negli Stati Uniti dedicati ad affrontare queste emissioni.

La Società di Nanodermatology (NDS)

La Società di Nanodermatology è stata fondata nel 2010 per riunire le persone da una vasta schiera delle discipline collegate che dividono un interesse comune in nanotecnologia mentre si riferisce alla dermatologia.

La società ed i membri sono incaricati di seguente missione:

1. per rifletta molto attentamente gli sviluppi in nanotecnologia come si riferiscono alla dermatologia;
2. per incontrarsi senza formalità e formalmente ai congressi, agli eventi d'istruzione del conferenceand scientifico allo scopo dei membri d'istruzione e d'informazione sugli sviluppi in nanotecnologia e dermatologia;
3. per scambiare ricerca e le idee sugli avanzamenti di nanotecnologia;
4. per patrocinare ricerca e formazione in nanotecnologia; e
5. per sviluppare i criteri e le posizioni per avvantaggiare i consumatori, accademia, gli enti competenti ed industria11.

Il fuoco primario del NDS rifletterà la nanotecnologia, studierà le novità nel campo e valuterà il loro potenziale. Il NDS metterà a fuoco sugli usi utili di potenziale di questa nuova tecnologia come pure sui pericoli potenziali. I membri di NDS metteranno in discussione criticamente i vantaggi ed i rischi suggeriti di nanotecnologie disponibili e di sviluppi basate sugli ultimi dati disponibili. L'impatto sui consumatori, sui lavoratori, sul personale medico, sulla società e sull'ambiente tutti sarà considerato. Per di più, i risultati saranno divisi e si distribuiranno come componente della missione educativa del NDS attraverso i vari sbocchi.

Come componente della sua missione regolatrice, il NDS emanerà le linee guida della sicurezza basate su comprensione corrente e sui rapporti medici e dermatologici dalle agenzie di prova di tossicologia. Il NDS comunicherà questi risultati alla società, enti competenti ed a legge ed ai responsabili politici.

La comunità dermatologica non è ancora informata di tutti i vantaggi e svantaggi a nanotecnologia. Tuttavia, la dermatologia è una disciplina vibrante sospesa rendere le nuove scoperte nella diagnosi e nella gestione della malattia che utilizzano la nanotecnologia. Ciò è il momento perfetto di istruire i dermatologi, i colleghi, i consumatori ed i lavoratori circa nanotecnologia.

Nanoparticelle Ibride come Veicolo per la Consegna di Ossido di Azoto

L'Interesse nel potenziale terapeutico di ossido di azoto (NO) sta sviluppandosi esponenzialmente nel corso degli ultimi decenni39-51. Questo interesse è un risultato diretto dei risultati che dimostrano un intervallo in continua espansione delle funzionalità associate senza le circostanze fisiologiche di sotto. Questi beni stabiliti non solo hanno implicazioni terapeutiche dirette per il trattamento delle infezioni, modulazione del vasoactivity, angiogenesi e feriscono la guarigione, ma egualmente forniscono una base per la nostra comprensione di molte malattie che variano dall'asma alla psoriasi52-55.

Lo Sfruttamento del questo potenziale ha provato difficile come riflesso dagli sforzi intensi ma relativamente infruttuosi per non sviluppare dal punto di vista terapeutico utile Unità/veicoli della consegna56. L'uso Clinico di questi materiali è stato dovuto limitato costare, citotossicità, instabilità dei composti chimici, carcinogenicità potenziale e lo sviluppo di tolleranza alle NESSUN sostanze di rilascio56. Le nanoparticelle ibride sormonta molte delle limitazioni attuali connesse con la corrente NESSUN strategie di rilascio.

Combina le funzionalità utili di due materiali distinti. In Primo Luogo, matrici vetrose polisaccaride-derivate di cui supporti la conversione di nitrito al NESSUN come pure la conservazione NO all'interno della matrice57; Secondariamente, idrogel silano-derivato e poroso che fornisce uno scheletro relativamente rigido. Le matrici Sole e vetrose soffrono dalla limitazione che rapido dissolvono la seguente esposizione all'acqua. La matrice dell'idrogel, comunque più stabile in acqua, è altamente porosa, permettendo una fuga rapida dei contenuti. La piattaforma ibrida sormonta queste limitazioni usando la matrice vetrosa non solo per generare il NESSUN, ma anche per tappare i pori dell'idrogel. La componente dell'idrogel fornisce la struttura e la stabilità, rallentanti la ripartizione del vetro in soluzione58.

Lo scheletro di nanoparticella è formato facendo uso dei alkoxysilanes, che hanno due vantaggi chiave. In Primo Luogo, sono già ampiamente usati nella produzione delle nanoparticelle diformazione. Cioè i prodotti basati sui alkoxysilanes non richiedono alcuni punti di riduzione di dimensione delle particelle per creare la nanoparticella: sono creati durante il processo di fabbricazione stesso. In Secondo Luogo, la struttura fisica di questi tipi di nanoparticelle è quella di una rete o di uno scheletro altamente porosa59-63. Non c'è la NESSUNA matrice vetrosa un concetto unico che sfrutta le chimiche ben note e comprende tre componenti principali. Il nitrito di Sodio in presenza di glucosio in una matrice vetrosa subisce una reazione redox che non genera Gas57,64,65.

Nella piattaforma corrente, i beni vetrosi sono creduti per essere derivati dalla forte rete di legame dell'idrogeno fucinata dall'interazione fra il chitosan, un polisaccaride cationico e le catene laterali anioniche dell'idrogel. È questa forte rete di legame dell'idrogeno che entrambi permettono la generazione glucosio-mediata di NESSUN come pure l'intrappolamento del NESSUN gas. I polimeri del polietilene glicole (PARITÀ) dei pesi molecolari differenti sono usati per regolamentare la tariffa di NESSUNA versione. Come citato precedentemente, sopra l'esposizione ad un ambiente acquoso, la matrice vetrosa dissolve permettere la versione del NO.

La composizione delle nanoparticelle concede entrambi per la conservazione del NO all'interno delle particelle asciutte come pure per la versione continua lenta dei livelli terapeutici di NO per i periodi di tempo lunghi una volta esposta ad umidità/acqua58. A Differenza di molte della corrente NESSUN materiale di rilascio, NESSUNA versione dai nps richiede nè la decomposizione chimica nè la catalisi enzimatica. Invece, la versione di NO dai nps richiede soltanto l'esposizione all'acqua56. Il profilo della versione per il NESSUN è trovato per essere messo a punto facilmente con manipolazione diretta delle concentrazioni relative delle componenti utilizzate nella preparazione l'idrogel/compositi di vetro che è base per la piattaforma del NP58.

L'Applicazione di Ossido di Azoto come Vettore della Droga

Il potenziale per la vasta applicabilità per questa NESSUNA piattaforma di rilascio del nanoparticulate sta emergendo comunque una serie di progetti di traduzionea. In primo luogo, l'infiltrazione e la sicurezza cutanee delle nanoparticelle ibride in vivo finora è stata dimostrata. L'Infiltrazione delle nanoparticelle fluorescenti è stata visualizzata sia utilizzando l'immagine all'infrarosso dal corpo intero fino ai ventiquattro ore che seguono la richiesta iniziale che dalla divisione istologica dell'interfaccia implicata nei chiodi animali dei modelli pure dai soggetti umani. Le applicazioni Ripetute delle nanoparticelle ad interfaccia murina non hanno dimostrato mutazioni patologiche all'interfaccia implicata, come thickeneing dell'epidermide o hanno aumentato infiammatorio si infiltrano in. Sebbene questi studi iniziali stiano promettendo, le indagini continuate sono in corso pienamente valutare tutte le emissioni con la sicurezza.

Poiché il ruolo di NO nell'attività curativa ed antimicrobica della ferita è affermato42,54,66-70, è un fuoco importante di questo lavoro. Trattamento con i risultati NO--nps nella chiusura accelerata della ferita sia nelle analisi di migrazione del fibroblasto che nel modello murino in vivo splinted della ferita71-73. L'efficacia in vitro Antimicrobica contro la Meticillina S Resistente aurea (MRSA)74, il Mycobacterium tuberculosis, baumannii di Acenitobacter75 è stata stabilita.

L'Applicazione topica di NESSUN nanoparticelle in vivo a MRSA e al baumannii del A. ha infettato i risultati dei modelli di asportazione nell'accelerazione di guarigione della ferita e nella distanza del carico batterico rispetto ai comandi clinicamente ed istologicamente74,75. per estendere questi risultati più ulteriormente, applicazione topica di NESSUN nps in un modello in vivo indotto di ascesso di MRSA, dimostrante un impatto dipendente dalla dose su risoluzione della lesione basata sulla dimensione della ferita, istologia e citochina che profila dai siti di ascesso76. Gli studi comparativi Terapeutici sono in corso e gli studi preliminari hanno dimostrato che il trattamento attuale ed intralesional senza i nps nel modello di ascesso di MRSA era sensibilmente più efficace della Retapamulina attuale e delle Vancomicine endovenose che seguono i quattro giorni del trattamento basati sulle culture cliniche della ferita e di valutazione.

Il ruolo importante di NO nel mantenimento della salubrità vascolare piombo alla nostra prova che l'efficacia di NESSUN nps nell'indirizzo delle circostanze si è associata con le disfunzioni endoteliali. NESSUN nps ha aumentato la funzione erettile una volta applicato attuale al pene dei ratti che sono stati sviluppati come modello di disfunzione erettile77. In un modo dipendente dalla dose, (iv) amministrato per via endovenosa, non facente circolare Nps aumentati non ha esalato Concentrazioni, ha fatto diminuire la pressione sanguigna arteriosa media (MAPPA) ed ha aumentato il flusso microvascolare durante parecchie ore, senza indurre una risposta infiammatoria rispetto alle nanoparticelle di controllo78.

Una Volta non confrontate a due ben noti Donatori, DETA NONOate e DPTA NONOate, le simili diminuzioni in MAPPA sono state testimoniate. Tuttavia, l'impatto sul tono vascolare che segue l'uso di NONOate era altamente inefficiente rispetto a NESSUN nps, non richiedenti 30 volte più Versione indurre una simile risposta fisiologica. Questo trabocchetto manifestato come effetto significativo su formazione della metaemoglobina tramite l'amministrazione di NONOate con diminuzione successiva nella capacità di carico dell'ossigeno dell'emoglobina.

Traducendo questi risultati, il ruolo potenziale del NO--nps nei disturbi vascolari di emergenza emodinamica è stato studiato. Non ha amministrato Per Via Endovenosa Nps sono osservati sia per neutralizzare l'infusione seguente di ipertensione sistematica dei NESSUN portafili dell'ossigeno basati emoglobina di lavaggio, migliorando la funzione sistematica che microvascolare. Ancora, IV NO--nps poteva correggere la quantità negativa, i cambiamenti emodinamici potenzialmente pericolosi durante la scossa emorragica - il NESSUN continuo rilasciato dalla vasocostrizione arteriolare ritornata NO--nps, la densità capillare funzionale recuperata ed i flussi sanguigni microvascolari e lo scompenso cardiaco impedito. Questi dati suggeriscono che il NESSUN nps abbia un chiaro potenziale di riempire NO nelle situazioni non sia stato Produzione sia alterato, insufficiente o consumato (per esempio disfunzione endoteliale, disordini metabolici e malattie emolitiche).

Questi dati dimostrano Insieme il chiaro potenziale dei NESSUN nps non solo come agente terapeutico per infiammatorio, contagioso e vascolare/cardiovascolare, ma anche come strumento di promessa di promuovere la nostra comprensione di NESSUN meccanismi di segnalazione.


Riferimenti

1. Elias PM. Funzioni difensive di corneum dello Strato: Una visualizzazione integrata. Giornale di Dermatologia Investigativa. Agosto 2005; 125(2): 183-200.
2. Bos JD, Meinardi MILLIMETRO. La norma di 500 Dalton per l'infiltrazione dell'interfaccia dei composti chimici e delle droghe. Exp Dermatol. Giugno 2000; 9(3): 165-169.
3. Graffette M., Daniel K, Cima MJ, Langer R. Application delle unità micro- e nano-elettromeccaniche per drogare consegna. Ricerca di Pharm. Maggio 2006; 23(5): 847-863.
4. ST di Kupper. Trattamenti Immuni ed infiammatori in tessuti cutanei. Meccanismi e speculazioni. J Clin Investe. Dicembre 1990; 86(6): 1783-1789.
5. Williams IR, ST di Kupper. Immunità alla superficie: meccanismi omeostatici del sistema immunitario dell'interfaccia. Vita Sci. 1996; 58(18): 1485-1507.
6. Cevc G. Transfersomes, liposomi ed altre sospensioni del lipido sull'interfaccia: Potenziamento di Permeazione, infiltrazione della vescicola e consegna transcutanea della droga. Recensioni nei Sistemi di Portafili Terapeutici della Droga. 1996; 13 (3-4): 257-388.
7. Nasir A. Nanotechnology e dermatologia: Io-Potenziale della Parte di nanotecnologia. Cliniche in Dermatologia. Luglio-agosto 2010; 28(4): 458-466.
8. Cevc G, Vierl U. Nanotechnology e la valutazione critica avanzata transcutanea di rassegna dell'itinerario A e. Giornale della Versione Controllata. Febbraio 2010; 141(3): 277-299.
9. Farokhzad OC. Nanotecnologia per la consegna della droga: l'associazione perfetta. Perizia sulla Consegna della Droga. Settembre 2008; 5(9): 927-929.
10. Zippin JH, Friedman A. Nanotechnology in Cosmetici e Protezioni Solari: Un Aggiornamento. Giornale delle Droghe in Dermatologia. Ottobre 2009; 8(10): 955-958.
11. Nasir A, Friedman A. Nanotechnology e la Società di Nanodermatology. Giornale delle Droghe in Dermatologia. Luglio 2010; 9(7): 879-882.
12. La MU L, Sprando RL. Applicazione di Nanotecnologia in Cosmetici. Ricerca Farmaceutica. Agosto 2010; 27(8): 1746-1749.
13. Zhang SF, Uludag H. Nanoparticulate Systems per la Consegna di Fattore di Crescita. Ricerca Farmaceutica. Luglio 2009; 26(7): 1561-1580.
14. NA di Ochekpe, Olorunfemi PO, Ngwuluka NC. Nanotecnologia e Parte 1 di Consegna della Droga: Sfondo ed Applicazioni. Giornale Tropicale di Ricerca Farmaceutica. Giugno 2009; 8(3): 265-274.
15. Nasir A. NanoPresent e NanoFuture: Il ruolo crescente di tecnologia restringente in dermatologia. Dermatologia Cosmetica. 2009; 22(4): 194-200.
16. Chen H, Roco MC, Li X, Lin Y. Trends nei brevetti di nanotecnologia. Nanotechnol Nazionale. Marzo 2008; 3(3): 123-125.
17. Nanoparticelle e nanoemulsions del lipido della Ghiottoneria G, di Hatziantoniou S, di Nikas Y, di Demetzos C. Solid che contengono i cerammidi: Preparato e caratterizzazione fisico-chimica. Giornale di Ricerca del Liposoma. Settembre 2009; 19(3): 180-188.
18. Jiang W, Kim BYS, Rutka JT, Chan WCW. Avanzamenti e sfide ai dei delivery system basati a nanotecnologia della droga. Perizia sulla Consegna della Droga. Novembre 2007; 4(6): 621-633.
19. Kumar M., Mumper RJ. Nanotecnologia nella consegna avanzata della droga. Giornale di Nanotecnologia Biomedica. Aprile 2007; 3(1).
20. Liu XL, Lee PY, CM Noioso, et al. Nanoparticelle D'argento Media le Risposte Differenziali in Keratinocytes ed in Fibroblasti durante la Guarigione Ferita Interfaccia. Chemmedchem. Marzo 2010; 5(3): 468-475.
21. Nasir A. Nanotechnology in via di sviluppo lo Sviluppo del Vaccino: Un Passo Avanti. Giornale di Dermatologia Investigativa. Maggio 2009; 129(5): 1055-1059.
22. Petrak K. Nanotechnology e consegna sito-mirata a della droga. Giornale dell'Edizione del Scienza-Polimero dei Biomateriali. 2006; 17(11): 1209-1219.
23. Somasundaran P, SC di Mehta, Reno L, Chakraborty S. Nanotechnology e problemi di sicurezza relativi di o consegna dei principi attivi in cosmetici. Sig.ra Bollettino. Ottobre 2007; 32(10): 779-786.
24. Zuo L, WC di Wei, Morris M., Wei JC, Gorbounov M., Wei CM. Nuova tecnologia ed applicazioni cliniche del nanomedicine. Cliniche Mediche dell'America settentrionale. Settembre 2007; 91(5): 845-+.
25. Brayner R. L'impatto tossicologico delle nanoparticelle. Nano Oggi. Febbraio-aprile 2008; 3 (1-2): 48-55.
26. Hu YL, Gao JQ. Neurotossicità Potenziale delle nanoparticelle. Giornale Internazionale dei Prodotti Farmaceutici. Luglio 2010; 394 (1-2): 115-121.
27. Nasir A. Nanotechnology e dermatologia: Ii-rischi della Parte di nanotecnologia. Cliniche in Dermatologia. Settembre-ottobre 2010; 28(5): 581-588.
28. Sicurezza di Nasir A. Nanotechnology. Giornale di Dermatologia Investigativa. Aprile 2008; 128: S83-S83.
29. Nohynek GJ, Dufour EK, Sig.ra Nanotecnologia, cosmetici e l'interfaccia di Roberts: C'È un rischio sanitario? Farmacologia e Fisiologia dell'Interfaccia. 2008; 21(3): 136-149.
30. Nohynek GJ, Lademann J, Ribaud C, sostanza appiccicosa Grigia di Sig.ra di Roberts sull'interfaccia? Sicurezza di Nanotecnologia, del cosmetico e della protezione solare. Recensioni in Tossicologia. Marzo 2007; 37(3): 251-277.
31. Panyala NR, EM di Pena-Mendez, Havel J. Silver o nanoparticelle dell'argento: una minaccia pericolosa contro l'ambiente e le sanità? Giornale di Biomedicina Applicata. 2008; 6(3): 117-129.
32. MP di Paschoalino, Marcone GPS, Jardim WF. NANOMATERIALS E L'AMBIENTE. Nova di Quimica. 2010; 33(2): 421-430.
33. Sandoval B. Perspectives sul Regolamento di FDA di Nanotecnologia: Sfide Emergenti e Soluzioni Potenziali. Rassegne Complete nella Scienza Dell'alimentazione e nella Sicurezza Alimentare. Ottobre 2009; 8(4): 375-393.
34. ST, ESPERTO IN INFORMATICA Severa di McNeil. Preoccupazioni di sicurezza di Nanotecnologia rivisitate. Scienze Tossicologiche. Gennaio 2008; 101(1): 4-21.
35. Suoni gli SS. Elevazione della progettazione sicura dei nanomaterials costruiti: prospettiva della ricerca di NIEHS e di NIH. Esami-Nanomedicine e Nanobiotecnologia Interdisciplinari di Wiley. Gennaio-febbraio 2010; 2(1): 88-98.
36. Gorog P, Pearson JD, Kakkar VV. Generazione di metaboliti reattivi dell'ossigeno phagocytosing le celle endoteliali. Aterosclerosi. Luglio 1988; 72(1): 19-27.
37. SR di Grobmyer, Iwakuma N, Sharma P, BM di Moudgil. Che Cosa è nanotecnologia del cancro? Mol di Metodi Biol. 2010; 624:1-9.
38. DP di Harrington. Medicina e radiologia molecolari di Nanotecnologia. J Coll Radiol. Agosto 2006; 3(8): 578-579.
39. Adam L, Bouvier M., Jones TL. L'Ossido di azoto modula beta (2) - palmitoylation e segnalazione del recettore adrenergico. J Biol Chim. 10 settembre 1999; 274(37): 26337-26343.
40. Ahmadie R, Santiago JJ, Camminatore J, et al. Una dieta ad alta percentuale di lipidi rafforza la disfunzione ventricolare sinistra in mouse carenti della sintasi 3 dell'ossido di azoto dopo sovraccarico cronico di pressione. J Nutr. Agosto 2010; 140(8): 1438-1444.
41. Anstey NANOMETRO, Weinberg JB, Hassanali MIO, et al. Ossido di azoto in bambini Tanzaniani con malaria: la relazione inversa fra la severità di malaria e la produzione dell'ossido di azoto/sintasi dell'ossido di azoto digita - l'espressione 2. Med di J Exp. 1° agosto 1996; 184(2): 557-567.
42. De Groote MA, Zanna FC. NESSUN inibizioni: beni antimicrobici di ossido di azoto. Clin Infetta il DIS. Ottobre 1995; 21 Supplemento 2: S162-165.
43. Zanna FC. Serie di Prospettive: interazioni agente patogeno/ospite. Meccanismi di attività antimicrobica in relazione con l'ossido nitrica. J Clin Investe. 15 giugno 1997; 99(12): 2818-2825.
44. Zanna FC, produzione dell'Ossido di azoto di Vazquez-Torres A. dai macrofagi umani: c'è SENZA dubbio a questo proposito. Di J Physiol del Polmone di Physiol delle Cellule Mol. Maggio 2002; 282(5): L941-943.
45. Han G, Zippin JH, Friedman A. Dal Banco al Lato Del Letto: Il Potenziale Terapeutico di Ossido di Azoto in Dermatologia. Giornale delle Droghe in Dermatologia. Giugno 2009; 8(6): 586-594.
46. Lepre JM, GASCROMATOGRAFIA di Nguyen, Massaro AF, et al. ossido di azoto Esalato: un indicatore di emodinamica polmonare in infarto. J Coll Cardiol. 18 settembre 2002; 40(6): 1114-1119.
47. Huang CJ, CE Di Legno, Nasiroglu O, Slovin PN, Zanna X, Scremante JW. La Rianimazione di scossa emorragica attenua la formazione intrapolmonare dell'ossido di azoto. Rianimazione. Novembre 2002; 55(2): 201-209.
48. WC di Huang, RELÈ di Tsai, Zanna TC. L'Ossido di azoto modula lo sviluppo e l'inversione chirurgica di ipertensione renovascular in ratti. J Hypertens. Maggio 2000; 18(5): 601-613.
49. Ischiropoulos H, Al-Mehdi AB. modifiche ossidative Peroxynitrite-Mediate della proteina. FEBS Lett. 15 maggio 1995; 364(3): 279-282.
50. MS di Misirkic, BM di Todorovic-Markovic, Vucicevic LM, et al. La protezione delle celle dalla morte apoptotic ossido-mediata nitrica dal fullerene mechanochemically sintetizzato (C (60)) nanoparticelle. Biomateriali. Aprile 2009; 30(12): 2319-2328.
51. Seabra AB, veicoli dirilascio di Duran N. Nitric per le applicazioni biomediche. Giornale di Chimica dei Materiali. 2010; 20(9): 1624-1637.
52. Maskey-Warzechowska M., Przybylowski T, Hildebrand K, et al. [L'effetto di asma e di esacerbazione di COPD su ossido di azoto esalato (TECNICO DI ASSISTENZA (NO))]. Politico di Pneumonol Alergol. 2004; 72 (5-6): 181-186.
53. McKenzie RC, celle di Weller R. Langerhans, keratinocytes, ossido di azoto e psoriasi. Immunol Oggi. Settembre 1998; 19(9): 427-428.
54. Weller R, Dykhuizen R, Leifert C, versione dell'Ossido di azoto di Ormerod A. rappresenta l'incidenza diminuita delle infezioni cutanee nella psoriasi. J Acad Dermatol. Febbraio 1997; 36 (2 Pinte 1): 281-282.
55. Weller R, espressione di Ormerod A. Increased della sintasi viscoelastica (NO) dell'ossido di azoto. Br J Dermatol. Gennaio 1997; 136(1): 136-137.
56. Friedman A, Friedman J. Nuovi biomateriali per la versione continua di ossido di azoto: dopo, presente e futuro. Droga Deliv di Opin dell'Esperto. Ottobre 2009; 6(10): 1113-1122.
57. Razza A, SEDERE di Friedman, Friedman JM. Trehalose vetro-ha facilitato la riduzione termica di metmyoglobin e di metaemoglobina. Soc il 26 giugno 2002 di J Chem; 124(25): 7270-7271.
58. Friedman AJ, Han G, MS di Navati, et al. ossido di azoto Continuo della versione che rilascia le nanoparticelle: caratterizzazione di una piattaforma novella di consegna basata su idrogel contenente nitriti/compositi di vetro. Ossido di Azoto. Agosto 2008; 19(1): 12-20.
59. INTERRUTTORE di Boettcher, Ventilatore J, Tsung CK, Shi Q, Stucky GD. Sfruttamento del procedimento del solenoide-gel per il montaggio dei materiali dell'ossido mesostructured non silicato. Ricerca di CRNA Chem. Settembre 2007; 40(9): 784-792.
60. Coradin T, Boissiere M., chimica del Solenoide-Gel di Livage J. nella scienza medicinale. Med Chim. 2006 di Curr; 13(1): 99-108.
61. Gupta R, materiali di Kumar A. Bioactive per le applicazioni biomediche facendo uso di tecnologia del solenoide-gel. Materiali Biomedici. Settembre 2008; 3(3).
62. Radin S, Chen T, Ducheyne P. La versione controllata delle droghe dall'emulsionato da, microsfere della silice elaborate gel del solenoide. Biomateriali. Febbraio 2009; 30(5): 850-858.
63. Yilmaz E, intrappolamento di Bengisu M. Drug nelle microsfere della silice con un trattamento del solenoide-gel di singolo punto e comportamento in vitro della versione. Ricerca B Appl Biomater di Mater di J Biomed. Aprile 2006; 77(1): 149-155.
64. MS di Navati, Aisen P, Friedman JM. reazioni redox Zucchero-Mediate della proteina nelle matrici vetrose. Giornale Biofisico. Gennaio 2005; 88(1): 329A-329A.
65. MS di Navati, Friedman JM. termale Zucchero-Derivato di sostegno di vetro e trattamenti foto-iniziati del trasferimento di elettroni sopra le distanze macroscopiche. Giornale di Biochimica. Novembre 2006; 281(47): 36021-36028.
66. Schwentker A, Vodovotz Y, Weller R, Billiar TR. Ossido di azoto e riparazione ferita: ruolo delle citochine? Ossido di Azoto. Agosto 2002; 7(1): 1-10.
67. Ossido di azoto di Weller R., crescita dell'interfaccia e differenziazione: più domande che le risposte? Clin Exp Dermatol. Settembre 1999; 24(5): 388-391.
68. Ossido di azoto di Weller R. --un trasmettitore chimico recentemente scoperto in interfaccia umana. Br J Dermatol. Novembre 1997; 137(5): 665-672.
69. Evans TG, L, Granger DL, Hibbs JB, Effetto Tailandese del Jr. in vivo di inibizione di produzione dell'ossido di azoto nella leishmaniosi murina. J Immunol. 15 luglio 1993; 151(2): 907-915.
70. Richardson AR, Libby SJ, Zanna FC. Una deidrogenasi ossido-viscoelastica nitrica del lattato permette allo Staphylococcus aureus di resistere all'immunità innata. Scienza. 21 marzo 2008; 319(5870): 1672-1676.
71. Han G, Friedman A, Friedman J, Dawkins MC. Terapia curativa della Ferita con le nanoparticelle dirilascio nitriche. Giornale dell'Accademia Americana di Dermatologia. Marzo 2009; 60(3): AB203-AB203.
72. RB di Weller. Nanoparticelle Ossido-Contenenti Nitriche come un Agente e Rinforzatore Antimicrobici di Guarigione della Ferita. Giornale di Dermatologia Investigativa. Ottobre 2009; 129(10): 2335-2337.
73. Martinez LR, Han G, Efficacia Curativo di Chacko M., et al. Antimicrobico e delle Nanoparticelle Continue dell'Ossido di Azoto della Versione Contro l'Infezione dell'Interfaccia di Staphylococcus Aureus. Giornale di Dermatologia Investigativa. Ottobre 2009; 129(10): 2463-2469.
74. Efficacia curativo di Martinez LR, di Han G, di Chacko M., et al. Antimicrobico e delle nanoparticelle continue dell'ossido di azoto della versione contro l'infezione dell'interfaccia di Staphylococcus aureus. J Investe Dermatol. Ottobre 2009; 129(10): 2463-2469.
75. SIG. UNIONE SOVIETICA, Han G, Friedman JM, Nosanchuk JD, Martinez LR di Mihu. L'uso di ossido di azoto che rilascia le nanoparticelle come trattamento contro il baumannii dell'Acinetobatterio nelle infezioni della ferita. Virulenza. 2010; 1(2): 1-6.
76. Han G, Martinez LR, SIG. di Mihu, Friedman AJ, Friedman JM, Nosanchuk JD. L'Ossido di azoto che rilascia le nanoparticelle è terapeutico per gli ascessi di Staphylococcus aureus in un modello murino dell'infezione. PLoS Uno. 2009; 4(11): e7804.
77. Han G, Catrame M., Kuppam DS, et al. Nanoparticelle come vettore novello per terapeutica che mira alla disfunzione erettile. Med del Sesso di J. Gennaio 2010; 7 (1 Pinta 1): 224-233.
78. Cabrales P, Han G, Roche C, Nacharaju P, Friedman AJ, Friedman JM. Ossido di azoto Continuo della versione dalle nanoparticelle di circolazione lungamente vive. Med Libero di Biol di Radic. 8 maggio 2010.

aLe indagini precliniche discusse non sarebbero state possibili senza i seguenti collaboratori: George Han, PhD, Luis Martinez, PhD, Joshua Nosanchuk, MD, Catrame di Mosè, PhD, Kelvin Davies, PhD, Pedro Cabrales, PhD, Parimala Nacharaju, PhD, Joel Friedman, MD, PhD

Copyright AZoNano.com, Dott. Adam Friedman (Istituto Universitario di Albert Einstein di Medicina)

Date Added: Nov 21, 2010 | Updated: Jun 11, 2013

Last Update: 14. June 2013 04:16

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this article?

Leave your feedback
Submit